Un blogger ceceno critico del presidente Ramzan Kadyrov, alleato del presidente russo Vladimir Putin, è stato trovato morto in una camera d’albergo di Lille, in Francia. L’uomo, il 44enne Imran Aliev, gestiva il proprio canale Youtube attraverso il quale lanciava accuse e criticava fortemente il governo di Groznyj. Il suo corpo è stato ritrovato senza vita dal personale dell’albergo entrato nella sua camera e ufficiali francesi hanno dichiarato alla Cnn che la sua è stata “una morte violenta”. Un coltello ritrovato sul luogo del delitto è stato consegnato alla scientifica per ulteriori analisi.

Secondo quanto rivelato da fonti investigative al canale americano, Aliev conosceva l’assassino. La direzione dell’hotel nel quale pernottava ha infatti riferito che sono due le persone ad aver effettuato il check-in il giorno in cui il blogger è arrivato in albergo: una era la vittima, mentre l’altra era un uomo sui 35 anni che oggi risulta sparito ed è ricercato come primo sospettato dell’omicidio.

Sempre secondo le fonti citate, la prima ipotesi delle autorità è che la motivazione dietro all’assassinio sia di tipo politico, legata all’attività della vittima. Se confermato, si tratterebbe dell’ultimo omicidio di dissidenti ceceni in Europa, come quello di un ex combattente avvenuto a dicembre a Berlino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus: guarito Steven Walsh, il cittadino britannico che ha contagiato almeno 11 persone in Francia e Uk

next
Articolo Successivo

George Patrick Zaki, Castaldo (M5S) lancia un appello al Parlamento Ue: “Istituzioni agiscano. Caso da seguire con la massima attenzione”

next