Un bonus di 30 euro per l’acquisto dei dispositivi antiabbandono dedicati al trasporto dei bambini in auto: è quanto stabilisce il decreto legge emesso dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti assieme al Ministero dell’economia e delle finanze. Gli allarmi antiabbandono per bimbi di età inferiore ai quattro anni sono diventati obbligatori dallo scorso 7 novembre, nonostante sia in atto una sospensione delle sanzioni per chi non li usa che durerà fino al 6 marzo prossimo. Per ottenere il bonus statale, richiedibile solo dai genitori (o chi esercita la responsabilità genitoriale sul minore), è necessario registrarsi sulla piattaforma informatica del Ministero dei trasporti, disponibile dal prossimo 20 febbraio.

Va specificato che i 30 euro possono essere erogati anche per i dispositivi acquistati prima del 20 febbraio (allegando una copia dei giustificativi di spesa, cioè dello scontrino fiscale o della fattura), facendo richiesta entro 60 giorni dalla sopracitata data. Qualora, poi, nel giustificativo di spesa non sia riportato il termine “dispositivo anti-abbandono”, sarà possibile inviare un’auto dichiarazione che specifichi la natura dell’oggetto.

Il contributo statale, erogato sotto forma di buono elettronico, può essere richiesto per l’acquisto di un solo dispositivo per ogni minore (quindi, il contributo è unico per ciascun bambino). Questo purché l’acquisto venga effettuato presso esercizi commerciali presenti nell’elenco presenta nella piattaforma web della Sogei: in pratica, dopo essersi minuti di identità elettronica digitale (Spid, richiedibile sul sito Sogei), basterà inserire nome e cognome del minore assieme al suo codice fiscale e la detrazione sarà effettuata utilizzando il credito corrispondente nella fattura elettronica relativa alla spesa. Dopo di che, il rimborso verrà effettuato automaticamente, tramite bonifico sull’Iban comunicato dal genitore al momento della registrazione sulla piattaforma del Mit dedicata.

I buoni verranno erogati in base all’ordine temporale di arrivo delle richieste, fino a esaurimento delle risorse disponibili, e saranno validi per 30 giorni, al termine dei quali scadranno senza poter essere richiesti nuovamente. Nel caso in cui il prezzo del dispositivo antiabandono sia inferiore al credito di stato, il bonus sarà equivalente al costo sostenuto. Gli esercizi commerciali desiderosi di essere inclusi fra quelli convenzionati, potranno registrarsi sull’applicazione web dal primo di febbraio 2020.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mercato auto Italia, il 2020 comincia maluccio. A gennaio -5,9% di vendite

next
Articolo Successivo

Rc Auto familiare, con la nuova norma più vantaggi ma a conoscerli sono ancora in pochi

next