Se le autorità cinesi, ma anche del resto dei Paesi asiatici ed europei, sono al lavoro per cercare di contenere la diffusione dell’epidemia di coronavirus che ha già fatto registrare circa 1.400 casi di contagio e oltre 41 decessi, brutte notizie arrivano riguardo alle caratteristiche del virus stesso. Secondo un articolo pubblicato sulla rivista scientifica inglese The Lancet, commentato dal virologo Roberto Burioni su MedicalFacts, “sembra possibile l’esistenza di pazienti asintomatici, che stanno bene, non hanno febbre, ma possono diffondere il coronavirus. Il che significa che la misurazione della temperatura agli aeroporti potrebbe non essere sufficiente per bloccare la diffusione della malattia. La lotta contro quest’infezione sarà più difficile del previsto”.

Lo studio preliminare citato dal medico italiano prende spunto dagli esami svolti su una famiglia cinese composta da sei persone, originarie della provincia di Guangdong, che avevano visitato Wuhan, città considerata l’epicentro dell’epidemia, a fine dicembre e inizio gennaio. Dai risultati emerge che cinque membri sono stati infettati e il sesto, un bambino di 10 anni, è stato contagiato ma non ha mostrato alcun sintomo. Una “pessima notizia”, sottolinea Burioni, e un elemento “che potrebbe rendere molto più problematico il controllo di questo virus”.

Il virologo non vuole creare eccessivo allarmismo e tiene a puntualizzare che “in Italia questo coronavirus, grazie al cielo, non è ancora arrivato. Quindi, non c’è motivo di evitare ristoranti cinesi, quartieri cinesi e i cinesi stessi. L’unica cosa che devono fare i cittadini italiani è semplice: non andare in Cina. Punto e basta. Dovrebbero anche cessare gli allarmi e la stampa dovrebbe smetterla di generare il panico ogni volta che un cittadino di origine asiatica ha la febbre. È il periodo dell’influenza ed è normale che accada”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Oms: “Sigarette elettroniche non sicure e dannose. Danneggiano il feto e creano dipendenza tra gli adolescenti”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “trasmesso da un serpente” o “creato in laboratorio”. Tra ipotesi e complotti: ma la vera origine è ancora sconosciuta

next