Una potente esplosione in una fabbrica di verniciature industriali di Houston ha provocato almeno 2 morti. La deflagrazione è avvenuta all’interno della Watson Grinding and Manufacturing e ha provocato anche alcuni feriti e diversi danni alle abitazioni vicine. “Tutta la mia casa ha tremato – ha detto una testimone al Mirror – Mi ha spaventato a morte. Ho pensato che fosse una bomba o un terremoto”.

L’esplosione ha provocato il crollo dell’edificio, ripreso in fiamme nelle immagini dei media statunitensi, e lo scoppio dei vetri e porte delle case anche a distanza di centinaia di metri. Il proprietario, citato dall’Abc, ha riferito che l’esplosione potrebbe essere stata provocata da un serbatoio di propilene. Al momento la polizia – che a lungo ha temuto per una seconda esplosione – indaga per dolo, ma esclude la pista del terrorismo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Africa, “invasione di milioni di locuste. Divorano il cibo, agricoltori hanno perso tutto”

next
Articolo Successivo

Giulio Regeni, fiaccolate in decine di città italiane a quattro anni dalla scomparsa. Amnesty: “Parteciperanno anche le scuole”

next