In virtù di una forte impennata nel mese di dicembre, che con un giorno lavorativo in più ha fatto registrare una crescita del 21,4% con 1.261.742 vetture vendute, il mercato auto nell’area EU più Efta ha chiuso il 2019 con un segno positivo: +1,2%. Il totale di immatricolazioni di autoveicoli lo scorso anno ha quasi raggiunto i 16 milioni (15.805.752, per la precisione), come ha reso noto l’associazione dei costruttori del vecchio continente (ACEA).

In particolare, come spiega il centro studi Promotor, quasi i tre quarti dei veicoli sono stati venduti nei cinque mercati continentali più importanti: Germania, Regno Unito, Francia, Italia e Spagna.

Il mercato tedesco ha chiuso con un +5% (3.607.258 immatricolazioni), risultato che negli ultimi venti anni è secondo solo a quello del 2009, sostenuto allora da bonus aziendali. Poi c’è il Regno Unito, in calo per il terzo anno di seguito (-2,9%): in questo caso a pesare sono state le incertezze per la Brexit. Il terzo mercato, quello francese, ha chiuso con un +1,9% mentre il quarto, quello italiano, è stabile (+0,3%) ma ancora lontano dai livelli pre-crisi (rispetto al 2007, mancano ancora quasi 200 mila immatricolazioni). Chiude la Spagna, con un meno 4,8%.

Il tale contesto, nonostante il +13% fatto registrare nel mese di dicembre, Fca ha chiuso il 2019 con 946.571 auto vendute, il 7,3% in meno rispetto al 2018, passando dal 6,5 al 6% di quota totale in Europa.

Secondo l’associazione dei costruttori italiani, i dati del 2019 sottolineano il momento delicato che sta vivendo il comparto a livello continentale: “I dati di dicembre confermano la fondamentale debolezza del mercato auto europeo che avrebbe chiuso l’anno in calo in assenza dell’ingente ricorso a vendite poco remunerative per il comparto automotive, già gravato dagli ingenti investimenti richiesti dalle pressanti sfide tecnologiche”, ha dicharato il direttore generale Unrae Andrea cardinali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Successivo

Auto, nel 2019 aumentati i prezzi del nuovo e diminuiti quelli dell’usato

next