Formato da crateri difficili da identificare. Ma il gruppo vulcanico più grande del mondo è stato scoperto ed è costituito da 116 vulcani ciascuno con un diametro del cratere di oltre 50 metri. Si trova nella Regione Autonoma della Mongolia interna, nella Cina settentrionale.

Il ritrovamento è stato effettuato dal gruppo del professor Ding Yi dell’Università di Geoscienze dell’Hebei, a quanto reso noto da un articolo dell’ultimo numero di Geological Review. Il cratere vulcanico di Maar, ha dichiarato Ding, è il più grande del mondo in termini di dimensioni e integrità. Il gruppo vulcanico nella parte settentrionale della contea di Zhuozi, in Mongolia Interna, ha più di 100 crateri nel raggio di 180 chilometri quadrati, per lo più di 100-400 metri di diametro. A differenza dei comuni crateri conici al di sopra del suolo, i vulcani Maar sono un gruppo di crateri larghi e poco profondi in forma di “piastra con lati larghi e fondo piatto”, il che li rende difficili da identificare. Ding ha spiegato che la formazione del gruppo vulcanico risale a un periodo compreso tra i 33 milioni di anni e i 9,4 milioni di anni fa.

Foto da archivio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il nuovo cacciatore spaziale di pianeti ha scovato “una sorella della Terra”

next
Articolo Successivo

Ricerca, l’eccellenza scientifica è relativa: anch’io ho perplessità sui finanziamenti europei

next