I fondamentali rimangono quelli delle altre Huracán EVO, a cominciare dal V10 installato in posizione centrale: è il vulcanico 5,2 litri aspirato da 610 Cv di potenza massima. Tuttavia, la Lamborghini Huracán EVO Rear-Wheel Drive (RWD) è un esclusivo omaggio alla meccanica a trazione posteriore e al puro piacere di guida assicurato da questa soluzione tecnica. Come noto, la casa del Toro ha sposato da tempo la causa delle quattro ruote motrici che, sul medesimo modello, vale anche 30 cavalli di potenza in più.

Ma la purezza delle due ruote motrici rimane ancora un riferimento per chi ama guidare e porta in dote una trasmissione più semplice e leggera, che consente di contenere il peso del veicolo a 1.389 kg, contro i 1.422 della Huracán EVO 4×4. Le prestazioni della RWD sono commisurate all’aggressività della carrozzeria, che presenta dettagli specifici tanto all’anteriore quanto in coda: l’auto può raggiungere una velocità di 325 km/h e passare da 0 a 100 km/h in soli 3,3 secondi.

“La Huracán EVO RWD si affida alle mani del conducente, offrendo un’esperienza di guida dominata dall’interazione con il suo hardware” afferma in una nota ufficiale Stefano Domenicali, Chairman & CEO di Automobili Lamborghini. Infatti, il sistema di controllo elettronico della trazione, è stato appositamente calibrato in virtù delle due ruote motrici. Il cambio rimane il collaudato automatico a doppia frizione a sette velocità, che comprende la funzione di partenza assistita.

“Questa vettura rispecchia l’essenza originaria dell’ingegneria Lamborghini, ponendo il conducente al centro delle prestazioni e rendendolo protagonista di un’esperienza di guida senza filtri e indubbiamente coinvolgente”, assicura Domenicali. Un progetto che dà “origine a una dinamica perfettamente equilibrata, reazioni fisiche e prestazioni assolute”. Infine, il sistema servoassistito ed elettromeccanico Lamborghini Dynamic Steering (LDS) è stato messo a punto per la Huracán EVO RWD. In opzione ci sono i cerchi da 20″ e i freni carboceramici.

All’interno, invece, l’abitacolo annovera un’interfaccia touchscreen da 8,4″ installata nella console centrale, che permette di controllare tutte le funzioni della vettura, gestire la connettività ed incorpora Apple CarPlay. La consegna ai primi clienti è prevista per la primavera del 2020, al prezzo di 159.443 euro, tasse escluse.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Alpine A110 SportsX, la sportiva travestita da fuoristrada. E non è l’unica – FOTO

next