Asus TUF Gaming VG279QM è il nuovo monitor del produttore taiwanese dedicato ai videogiocatori, la cui peculiarità principale consiste nell’avere un refresh rate da ben 280 Hz che consente di utilizzare contemporaneamente due tecnologie avanzate per l’eliminazione di alcuni difetti legati al rendering grafico dei videogiochi: VESA Adaptive-Sync ed ELMB (Extreme Low Motion Blur).

La prima consente ai monitor di variare la frequenza di aggiornamento in modo da sincronizzarsi con i frame rate prodotti dalla scheda video. In questo modo si eliminano o si attenuano fortemente due difetti come stuttering e tearing, che rovinano normalmente la fluidità di un gioco, ostacolando immersività e recenzione dei comandi.

ELMB invece riduce un altro difetto, il cosiddetto motion blur, che crea quelle scie fastidiose quando effettuiamo dei movimenti veloci. La tecnologia raggiunge il risultato inserendo un frame nero nel mezzo di ciascun refresh, grazie a una retroilluminazione “stroboscopica” che cioè accende e spegne i pixel in rapida sequenza.

Le due tecnologie erano fino ad ora incompatibili perché la prima opera appunto a una frequenza variabile del refresh rate, mentre la seconda a una frequenza fissa. L’introduzione di un chip proprietario dedicato proprio alla gestione simultanea delle tue tecnologie e l’incredibile velocità di refresh (che si raggiunge però da pannello, abilitando una sorta di “overclock” rispetto alla frequenza standard di 240 Hz) ha consentito ad Asus di raggiungere l’obiettivo.

Per quanto riguarda le altre caratteristiche, l’Asus TUF Gaming utilizza un pannello di tipo IPS con diagonale di 27 pollici e risoluzione Full HD (1920 x 1080 pixel), un tempo di risposta di appena 1 ms per le transizioni G2G (da grigio a grigio), un contrasto di 1000:1, luminosità di 400 cd/m2, angoli di visione di 178° su entrambi i piani, profondità colore di 8-bit e copertura pari al 99% della gamma colore sRGB. Al momento però Asus non ha rilasciato informazioni sul prezzo o la commercializzazione in Occidente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italiani pronti a un futuro di case e città intelligenti, grazie al successo degli smartphone

next
Articolo Successivo

Facebook, in sviluppo un sistema operativo proprietario?

next