Il 17 dicembre è stato per l’Australia il giorno più caldo della storia: le temperature medie nazionali di 40,9 gradi Celsius (105,6 gradi Fahrenheit) hanno battuto il precedente record di 40,3 gradi Celsius a gennaio 2013. Ma l’ondata di calore potrebbe anche peggiorare, esacerbando una stagione di incendi senza precedenti. “Questo caldo si intensificherà ulteriormente oggi”, ha affermato la meteorologa Diana Eadie. L’ondata di caldo è un altro campanello d’allarme sul riscaldamento globale in Australia, dove quest’anno l’inizio anticipato e intenso di incendi boschivi estivi ha aumentato le pressioni sul governo affinché faccia di più per affrontare il cambiamento climatico.

A novembre lo stato del South Wales ha proclamato lo stato di emergenza: il fumo degli incendi ha travolto Sydney, la più grande città del paese, portando l’inquinamento atmosferico a livelli pericolosi in un evento che ha portato i medici a segnalare un’emergenza per la salute pubblica. Almeno tre milioni di ettari (7,4 milioni di acri) di terra sono bruciati in tutta l’Australia, con sei persone morte e circa 700 case distrutte. Gli scienziati affermano che le fiamme sono arrivate prima e con più intensità del solito a causa del riscaldamento globale e di una siccità prolungata che ha lasciato la terra asciutta e molte città hanno esaurito l’acqua.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francia, Pietraszewski nuovo segretario per le pensioni. Parigi ancora bloccata: 350 km di code

next
Articolo Successivo

Usa, i pro-impeachment scendono in piazza alla vigilia del voto: “Trump è un criminale”

next