Concentrazioni elevate e fuori norma di metalli pesanti sono state rilevate nel sangue di malati di tumore che vivono nella Terra dei Fuochi, quell’area della Campania tra Napoli e Caserta diventata famosa per i roghi tossici di rifiuti tossici e speciali smaltiti illegalmente che rilasciano nell’ambiente grandi quantità di metalli pesanti, come cadmio e mercurio. Lo studio, pubblicato sul Journal of Cellular Physiology, potrebbe essere una conferma del legame tra l’illecita gestione dei rifiuti in comuni come Giugliano e lo sviluppo di tumori in quelle aree. La ricerca è il risultato di uno progetto pilota coordinato da Antonio Giordano, direttore dell’Istituto Sbarro di ricerca sul cancro della Temple University a Philadelphia e docente dell’Università di Siena e condotto da Iris Maria Forte dell’Istituto Nazionale Tumori Fondazione Pascale CROM Mercogliano.

“Le nostre osservazioni, anche se preliminari, confermano alcuni studi precedenti in cui il livello di metalli tossici nel sangue dei pazienti oncologici in alcuni comuni della Terra dei Fuochi è del tutto fuori norma – afferma Giordano in un’intervista all’Ansa -. Il legame causale tra sviluppo tumorale ed esposizione a questi metalli è un fatto noto da tempo, il superamento costante dei limiti di legge anche nel piccolo numero di individui esaminati nel nostro studio è un fatto di per sé allarmante, che quindi richiede l’immediata estensione dell’analisi ad una popolazione più ampia, così da avere una rappresentazione accurata sul fronte epidemiologico”. Gli esperti hanno confrontato le concentrazioni del sangue medie di metalli come cadmio, mercurio, arsenico, piombo di dieci pazienti oncologici (con diversi tumori, per esempio cancro del seno, leucemie, neoplasie del cervello) di uno dei comuni interessati (Giugliano) con quelle di 27 soggetti sani di controllo e 85 pazienti oncologici di altre aree di residenza.

“Le nostre analisi – afferma Giordano – hanno mostrato che nei pazienti di Giugliano i livelli ematici di cadmio e mercurio, così come quelli dei metalli generali, erano statisticamente più alti rispetto ai controlli sani. Considerando che i metalli pesanti possono essere rilasciati nell’ambiente a causa di un’errata gestione dei rifiuti e dato che Giugliano è noto per avere molti siti illegali di smaltimento dei rifiuti – continua Giordano – i nostri dati potrebbero fornire un ulteriore supporto alla possibile associazione tra esposizione a rifiuti pericolosi e aumento del rischio di sviluppo del cancro. Queste osservazioni, inoltre, sono in linea con un precedente studio sulla mortalità per cancro in tre comuni della Campania, tra cui Giugliano“. Questo studio, conclude, “ha dimostrato che il tasso di mortalità per tumore (in particolare tumori polmonari, pleurici, vescicali, della laringe, del fegato e del cervello) tra i cittadini di Giugliano era superiore a quello riportato per la regione Campania”.

L’abstract dello studio è disponibile al sito del Journal of Cellular Physiology.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Polo Nord magnetico continua la fuga verso la Siberia, aggiornato il World magnetic model

next
Articolo Successivo

Tumore ovarico da record asportato a una giovane donna: pesava 20 chili

next