Nonostante gli incidenti con lesioni siano diminuiti dell’1,3%, e con essi le persone rimaste ferite, la mortalità sulle strade italiane aumenta. E’ questa la fotografia impietosa del primo semestre 2019 scattata da Aci e Istat, secondo cui nel periodo da gennaio a giugno di quest’anno i sinistri sono stati 82.048 (-1,3%, in media 453 al giorno), provocando la morte di 1.505 persone e il ferimento di 11.3765 (-2,9%, in media 628 al giorno).

In particolare, a crescere di numero sono state le vittime su autostrade (+25%) e strade extraurbane (+0,3%), mentre nelle città la situazione è migliorata (-3%). Il tutto a fronte di un andamento non crescente della mobilità.

I nemici della sicurezza stradale sono sempre gli stessi, come fa notare la Polstrada: eccesso di velocità, mancato utilizzo delle cinture di sicurezza e uso del cellulare. Per queste infrazioni, nel primo semestre 2019, le multe elevate sono cresciute rispettivamente del 38, 7,5 e 15 per cento.

L’aumento dei decessi sulle strade, infine, stride anche con l’obiettivo fissato dall’Unione Europea di dimezzare le vittime di incidenti entro il 2020.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Volkswagen, accusata in Canada per presunta violazione norme emissioni

next
Articolo Successivo

Auto, il budget delle famiglie per l’acquisto è diminuito del 4% nel 2019

next