Piccioni col cappello da cowboy becchettano tranquilli in strada. Sembra una di quelle fake news grandi come una casa, ma invece è vera. Tra le strade assolate di Las Vegas sono apparsi alcuni piccioni con dei graziosi e piccolissimi cappellini rosa letteralmente incollati sul capo. I video che girano online lo dimostrano inequivocabilmente. Chiaro, c’è qualche burlone che si è divertito fin troppo, creando oltretutto danni fisici non facilmente risolvibili per alcuni poveri volatili statunitensi. È stata la pagina Facebook di Lofty Hopes – A pigeon positive movement a mostrare la strana apparizione online.

L’associazione animalista ha immediatamente dato istruzioni a chiunque incontrasse i piccioni con cappello in strada con l’obiettivo perlomeno di capire se quei copricapi si possono togliere o costringeranno i volatili a tenerseli in modo innaturale per tutto il resto della loro vita. Bobby Lee, il primo utente online che ha filmato i piccioni con il cappello da cowboy, ha raccontato il suo stupore di fronte a quello che gli si era parato davanti: “Al’inizio ho pensato ‘che carino’, poi subito dopo mi sono chiesto cosa gli succederà se non riusciranno a toglierseli dalla testa. Magari i predatori li individueranno più facilmente o addirittura li ostacolerà nel volo!”. I piccioni così conciati sono stati individuati tra Tropicana Avenue e Maryland Parkway a Las Vegas. Un utente che ha commentato i video postati da Lofty Hopes ha suggerito una possibile soluzione per questa bizzarria: “C’è il rodeo in città. Penso sia l’unica spiegazione possibile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Usa, bimbo cade dal bancone di un negozio: le immagini dell’incredibile salvataggio

next
Articolo Successivo

Lo schiaffo micidiale che mette ko il campione: il colpo in finale del campionato russo è da paura

next