Davide Crippa è il nuovo presidente dei deputati del M5s: ha incassato 150 voti, superando così la maggioranza assoluta necessaria. Termina così un lunghissimo stallo interno sull’elezione del successore di Francesco D’Uva: è l’unica notizia buona interna al Movimento 5 stelle in una giornata densa di inciampi, anche se soprattutto al Senato. Dopo numerosi tentativi andati a vuoto, è stato costituito quindi il direttivo Cinquestelle della Camera: a dirigerlo sarà appunto Davide Crippa, non esattamente un fedelissimo di Luigi Di Maio al punto da essere uno dei parlamentari rimasti fuori dalla formazione dell’esecutivo. “Auguri a Davide e a tutta la squadra, è stato un bravo sottosegretario, farà bene anche da capogruppo”, ha commentato il capo politico.

Con Crippa vengono eletti nel direttivo anche Riccardo Ricciardi come vicepresidente e Francesco Silvestri come tesoriere. I delegati d’Aula e segretari saranno Alemanno Soave, Federico Antonio e Nicola Provenza. “Per 18 mesi il direttivo è stata la mia casa, la mia famiglia, gli ho dedicato gran parte del mio tempo e delle mie energie” e in questi ultimi mesi lo “abbiamo tenuto per mano accompagnandolo e preparandolo a questo momento” commenta il tesoriere uscente e presidente della Commissione politiche Ue, Sergio Battelli. Gli auguri di buon lavoro al nuovo direttivo arrivano anche da un post su Fb del M5s e dal predecessore D’Uva: “In bocca al lupo a Crippa e a tutto il nuovo direttivo del M5S Camera. So bene quanto sia duro questo lavoro, ma sono sicuro che farete bene. Ringrazio Francesco Silvestri per avermi sostituito degnamente e abbraccio tutto il gruppo. Contate sempre su di me!”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mes, senatori M5s votano no: applausi da Lega e Salvini. Paragone: “Mio dissenso non prelude a cambio di gruppo”

next
Articolo Successivo

Regionali Calabria, Rousseau conferma Aiello candidato presidente M5s. Elettorato spaccato: il sì passa per poco più di cento voti

next