Una lite, forse per un paio di pantaloncini, finita con un accoltellamento. È successo intorno alle 23 di domenica, fuori dallo stadio Dall’Ara di Bologna, dove si è giocato il posticipo di Serie A tra i rossoblu e il Milan.

Due tifosi rossoneri, secondo le prime ricostruzioni, hanno iniziato a discutere dopo che, al termine del match vinto dai ragazzi di Pioli per 3 a 2, i giocatori sono andati sotto la curva ospite e hanno lanciato maglie e pantaloncini ai sostenitori accorsi in Emilia per sostenere la squadra. I due hanno entrambi tentato di accaparrarsi un paio di pantaloncini, arrivando fino alla lite. È nella fase di deflusso dallo stadio, però, che questa è sfociata in una rissa, con uno dei due che ha estratto un coltello colpendo l’altro all’addome.

L’uomo ferito è stato portato in pronto soccorso all’Ospedale Maggiore in gravi condizioni, in Codice 2-3, dove è stato operato nella notte, mentre l’autore del gesto è stato fermato dalle forze dell’ordine. La vittima non è in pericolo di vita e le sue condizioni sono stabili. Intanto, la Digos ha fermato il 34enne accusato dell’accoltellamento, rilasciandolo poi con una denuncia a piede libero per lesioni, e ha avviato delle indagini per chiarire la dinamica dei fatti. Prima del match non era stato registrato alcun episodio di violenza.

Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, però, tra i due tifosi c’erano già stati attriti che risalivano alla trasferta del 1 dicembre a Parma. In quella circostanza il gruppo “Nervi tesi”, di cui fa parte la vittima, e tifosi rossoneri arrivati da Mantova, ai quali è legato l’assalitore, si sono scontrati a causa del posizionamento dei vari gruppi ultrà su un bus navetta che conduceva i supporter allo stadio. I mantovani non avrebbero rispettato le disposizioni e a quel punto sarebbe nata la lite. In quell’occasione il ragazzo denunciato per l’accoltellamento sarebbe stato picchiato dai rivali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Serie A, Cagliari altra rimonta al 90′ e quarto posto. La Fiorentina sconfitta a Torino. Balo-gol: il Brescia vince. Il Parma batte la Samp

next
Articolo Successivo

Lazio, ecco il fantastico mondo di Claudio ‘Lotirchio’: sempre sospeso tra sogno e realtà

next