“Immigrato. Chi ha lasciato il porto spalancato? Immigrato. Ma non ti avevano rimpatriato?”. Checco Zalone spiazza nuovamente tutti. Quando ci aspettava un trailer di ToloTolo ecco arrivare invece un video musicale dal titolo Immigrato. Una ballad zaloniana alla chitarra dalle melodie alla Adriano Celentano, e Toto Cutugno (non a caso vediamo la quotidianità di un “italiano medio” alle prese con un migrante) che sciorina parecchi luoghi comuni sullo straniero (il turning point narrativo è sul mandingo che usurpa la moglie al Zalone protagonista) per poi giocare sul finale del video sulla retorica razzista degli ultimi tempi molto in voga in Italia. Insomma, uno Zalone che non si smentisce mai.

Sempre al limite tra un pigiatissimo politicamente scorretto e un salvataggio in corner buonista, con il suo faccione e corpicione in primissimo piano, e un ritmo esagerato con raffica di battute. Chiaro che vista la tematica di ToloTolo – la fuga di un boss italiano in Kenya – sarà davvero difficile non sovrapporre cinema e attualità politica almeno dal primo gennaio 2020 quando ToloTolo invaderà le sale italiane. La sfida di Zalone, alias Luca Medici, sarà quella di superare anche di un solo euro i 65 milioni 341 mila e 588 euro di Quo Vado? Se non ce la facesse ci sono i record di 51 milioni e rotti con Sole a Catinelle o i 43 milioni e mezzo di Che bella giornata. Il video è stato girato in diverse zone di Roma tra le quali il quartiere Bologna, nel caseggiato popolare che è stato set del film di Ettore Scola “Una giornata Particolare” con Marcello Mastroianni e Sofia Loren. Oltre a Zalone, protagonisti della clip sono l’attrice Emanuela Fanelli, che interpreta la moglie di Checco e l’attore Maurizio Bousso, l’immigrato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’immortale, il ritorno di Ciro Di Marzio. Ecco la sua storia che ha un finale con almeno tre colpi di scena…

next
Articolo Successivo

European Film Awards, trionfa Lanthimos con “La favorita”. Delusione per “Il traditore” di Bellocchio. Werner Herzog: “Il più grande progetto di pace della storia del mondo”

next