La nuova generazione di 2008, il B-suv di Peugeot, è accattivante, ben equipaggiata, rifinita con accuratezza e piacevole da guidare. Realizzata sulla piattaforma Cmp, la stessa della 208, della DS3 Crossback e della Opel Corsa, è disponibile con motorizzazioni benzina, gasolio e 100% elettrica.

E lunga 4,34 metri. Le sue linee sono muscolose e piene di stilemi distintivi del brand, che richiamano la “sorella maggiore” 3008: un’imponente calandra verticale, un lungo cofano e i gruppi ottici che richiamano la “zampata” di un leone.

Protagonista della nostra prova la Versione BlueHDi in allestimento “ GT”, motore diesel 1.5 L quattro cilindri, 130 Cv abbinato al cambio automatico Eat8. Aprendo lo sportello si averte la percezione di solidità. Si apprezzano le finiture e gli accoppiamenti dei vari componenti interni. Grande attenzione al dettaglio e largo uso di materiali pregiati come la pelle e l’Alcantara. Ricche le dotazioni sia di serie che quelle a pagamento. Tanti gli scomparti portaoggetti sparsi per l’abitacolo, per una capienza totale di 30 litri e 4 prese usb per le esigenze di tutti i passeggeri.

Accogliente e vivibile per la famiglia, agile in città e sufficientemente comoda anche nei viaggi. Anche in virtù di un bagagliaio generoso: 434 litri di cui 29 nel doppiofondo (nella versione elettrica è lo stivaggio per cavi di ricarica).

Piacevole da guidare, come detto, anche grazie alla buona erogazione del motore e alle sospensioni ben tarate. Dal posto di guida si ha un’ottima visibilità degli spazi circostanti e della strumentazione. Il comfort, poi, è garantito anche dalla buona insonorizzazione e dall’HI-FI Focal da 10 altoparlanti.

L’I-Cockpit, la futuristica strumentazione 3D che avevamo già visto a bordo della 208, è disponibile anche su 2008 a partire dall’allestimento Allure. Il sistema si fonda su importanti elementi che determinano una nuova ergonomia di guida: volante compatto, touch-screen HD Taglia XXL al centro plancia ed Head-up Digital display 3D con due livelli di visione per le informazioni.

A portata di mano e di sguardo, posizionati sotto lo schermo touch, una serie di comandi a pianoforte che richiamano quelli di un moderno jet. Oltre alla possibilità di interfacciare gli smartphone con sistema operativo IOs o Android, ci sono poi i tanti sistemi di ausilio alla guida, che consentono al city suv francese una guida autonoma di livello 2: la frenata assistita, il rilevamento degli angoli ciechi, mantenimento di corsia e distanza di sicurezza, giusto per citarne alcuni.

Peugeot 2008 sarà disponibile dal prossimo febbraio anche con un diesel da 100 Cv, mentre sul versante benzina si potrà scegliere un 1.2 tre cilindri turbo nelle varianti di potenza da 100, 130 o 155 cavalli. E, in più, una 100% elettrica con 310 chilometri di autonomia misurati nel ciclo WLTP.

I prezzi, infine. Ci vogliono poco più di 21 mila euro per la PureTech 100 Active, che salgono a 23.050
per la BlueHDi 100, e diventano circa 30.500 per l’EV. Oltre alla modalità di acquisto classica, peugeot offre diverse formule, che vanno dal semplice noleggio della vettura al tutto incluso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mercedes GLE, la prova de Il Fatto.it – La regina punta su tecnologia e motori – FOTO

next
Articolo Successivo

Volkswagen Golf, la prova de Il Fatto.it – La best seller che guarda al futuro – FOTO

next