Un mondo a parte. Lo sono tutte le aziende, gli uffici, i negozi, i luoghi di lavoro. E lo è anche una redazione di un giornale online, un luogo dove un gruppo di persone sono radunate in un open space per ore, e ore, e ore. ‘La vita dentro‘ ha dinamiche tutte sue, e se per il 90% del tempo si lavora sodo, tra notizie, telefonate, aggiornamenti, idee, riunioni, c’è un 10% della giornata in cui alcuni di noi, diciamo, “cazzeggiano”. Perché un po’ di leggerezza, quella che Calvino avrebbe chiamato ‘leggerezza pensosa‘, aiuta a vivere meglio, e a non prendersi troppo sul serio.

Noi di FQMagazine, la “costola” del fattoquotidiano.it che si occupa di spettacolo, abbiamo deciso di raccontarvi un po’ della nostra vita di redazione. E, insieme, di darvi notizie, anticipazioni, chicche. Tutto con grandi ospiti. E tutto in un programma video della durata di 12 minuti fatto solo di stories. Ogni giovedì, in prima visione sui canali social del Fatto Quotidiano (19:30 su Facebook e in anteprima sulla IGTV). È un’idea che abbiamo in mente da tempo, perché pensiamo che esprimersi con i linguaggi più attuali sia doveroso per chi, come noi, fa informazione e intrattenimento online.

Va detto che quando abbiamo visto il Washington Post sbarcare su Tik Tok (rubandoci quindi l’idea a sua insaputa e facendolo molto molto bene) l’abbiamo presa non benissimo. E così anche quando abbiamo visto che il più grande di tutti, Fiorello, ha portato la brevità in televisione facendone una nuova cifra stilistica. Modelli irraggiungibili. Ma con il nostro budget di 38,50 euro (sigh!) contiamo di farvi passare 12 minuti divertenti, leggeri, in nostra compagnia. Questa settimana con noi Max Pezzali, Gigi D’Alessio, Peter Gomez e tanti altri. Benvenuti in redazione!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Emilio Fede, la moglie Diana contro Silvio Berlusconi: “È un ingrato, non vuole avere grane, pensa solo per sé”

prev
Articolo Successivo

Whatsapp, la funzione nascosta che ti dice con chi chatti di più

next