Potrebbe essere una piccola rivoluzione per l’universo femminile. È pronta la prima pillola anticoncezionale che si prende solo una volta al mese, ideata per fermarsi nello stomaco e rilasciare lentamente i suoi principi attivi. Sperimentata con successo su maiali e descritta sulla rivista Science Translational Medicine, la capsula intelligente è stata sviluppata da Brigham and Women’s Hospital e Massachusetts Institute of Technology di Boston. Si stima che almeno la metà delle donne che prendono la pillola dimentichino una dose ogni tre mesi e che questo sia legato al rischio di una gravidanza pari al 9% in un anno. Di qui l’idea di un anticoncezionale orale da prendere una volta al mese per migliorare la sua efficacia.

Il farmaco è contenuto in un minuscolo vettore con sei braccia rivestite da una capsula ingeribile. Una volta giunte nello stomaco, le braccia si aprono gradualmente rilasciando il farmaco. La capsula intelligente resta ferma nello stomaco perché le sue dimensioni superano quelle della valvola che collega stomaco a intestino. Sperimentato su maiali, il metodo funziona: nel sangue degli animali la dose di anticoncezionale resta stabile per 29 giorni dall’ingestione. “La nostra capsula rappresenta un avanzamento decisivo verso la possibilità di dotare le donne di un contraccettivo da prendere solo una volta al mese”, sostiene l’autore principale del lavoro Giovanni Traverso. “Abbiamo iniziato il nostro lavoro per estendere la durata di terapie con farmaci per la malaria, la tubercolosi e l’Hiv. Ma presto – conclude – ci siamo resi conto del potenziale impatto di un contraccettivo simile. Siamo entusiasti di poter riferire i nostri progressi verso tale obiettivo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fra gioco e applicazione /1: quel tour di Eulero che arriva fino alla robotica e alla genetica

next
Articolo Successivo

Sclerosi multipla, dopo la rivelazione di Fedez domande e risposte su malattia e diagnosi

next