Nasce l’Rc auto familiare. Tra i provvedimenti previsti dal dl fisco, un emendamento a prima firma Andrea Caso (M5s) permetterà alle famiglie di beneficiare della fascia assicurativa più bassa fra tutti i veicoli di proprietà del nucleo. La nuova formula di fatto amplia quanto già contenuto all’articolo 134 del codice delle assicurazioni che, in caso di nuovi acquisti, già prevedeva che nelle famiglie si potesse acquisire per la stessa tipologia di veicolo la classe di merito più favorevole rispetto a quella dell’ultimo attestato di rischio conseguito sul veicolo già assicurato. La grande novità riguarderà le tipologie di mezzo, visto che vengono introdotti anche quelli a due ruote, e i rinnovi, non inclusi nell’attuale normativa.

In questo modo, tutti i mezzi beneficeranno della classe di merito più vantaggiosa tra quelle di tutti i veicoli registrati, a patto però che non ci siano stati incidenti “con responsabilità esclusiva o principale o paritaria negli ultimi 5 anni”.”Nel dl fisco siamo riusciti a ottenere un’importante novità sulle assicurazioni – hanno annunciato i deputati del Movimento in commissione Finanze – Nel caso si possieda un motorino in 14esima fascia e un’auto in prima, a partire dal prossimo rinnovo dell’assicurazione anche per il motorino si passerà in prima fascia, con un risparmio sul premio. Per le famiglie italiane è una boccata d’ossigeno”.

“La commissione Finanze approva il mio emendamento al dl Fiscale utile alla riduzione delle tariffe Rca – ha annunciato con una nota il sottosegretario al Ministero dell’Economia, Alessio Villarosa (M5s) – Mi sono impegnato in prima persona per una maggiore equità nella definizione delle classi di merito Rca e dei relativi costi, il risultato conseguito oggi rappresenta solo il primo passo dell’ampia riforma in corso di definizione. Si è creata di fatto una classe di merito unica familiare. Il progetto ‘Rca più equa’ continua e da sempre rappresenta una priorità per il Movimento 5 Stelle“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fisco, entro lunedì 1,8 milioni di contribuenti devono pagare la prima rata della rottamazione-ter e del saldo e stralcio

prev
Articolo Successivo

Bollette, slitta da luglio 2020 al 2022 la fine del mercato tutelato per l’energia

next