Un mondo sempre più on demand e “ad altezza di click”, anche per quanto riguarda i trasporti: per un futuro non troppo di là da venire, sembrano queste le aspettative dei consumatori di 16 Paesi tra Europa e Asia, emerse dal report “The Road Ahead: the future of mobility report” di Avis Budget Group. Un addio all’automobile quindi? Non proprio, forse però al concetto di proprietà sì.

Sta di fatto che, oggi, per la stragrande maggioranza degli intervistati (82%) possedere un’auto è ancora molto importante, quindi il 77% dei consumatori dichiara di averla e la metà di loro la considera ancora il mezzo ideale. Ma sul domani, il 68% di questi è concorde che la situazione cambierà a favore di mobilità in sharing e in abbonamento, già nel giro di dieci anni, e il 54% si sente favorevole e pronto a rinunciare alla proprietà per servizi come l’auto in condivisione o il noleggio a lungo termine. Tanto che 6 persone su 10 si aspettano un incremento delle offerte relative a tali servizi, anche per i veicoli commerciali.

La lente d’ingrandimento sull’Italia mostra quasi la totalità delle persone (92%) convinta dell’importanza di possedere una vettura, il 90% difatti ce l’ha. Nonostante questo, è comunque un buon 71% a essere sempre più curioso della mobilità on demand e propenso, in futuro, a farvi ricorso; stessa cosa vale anche per la forma di noleggio a lungo termine. E a voler cercare una spinta che possa motivare ancor di più la scelta di un trasporto “sostenibile” o semplicemente più comodo, 7 intervistati su 10 indicano la possibilità di un risparmio economico.

“La nostra ricerca ha dimostrato che se i consumatori si aspettano servizi connessi, integrati e on demand, allo stesso tempo desiderano la comodità ad un prezzo ragionevole” ha commentato Keith Rankin, Presidente di Avis Budget Group, “È indispensabile che i diversi player nel settore della mobilità collaborino per garantire che le esigenze future dei consumatori siano soddisfatte”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Autovelox mobili, sanzione valida anche se sono indicati solo da cartelli fissi

prev
Articolo Successivo

Auto, il mercato italiano di novembre cresce del 2,2%. Ma da inizio anno è -0,6%

next