Ha una gigantesca coda bianca che si estende per 160.000 chilometri di lunghezza, ossia oltre 12 volte il diametro della Terra. La cometa aliena, 2I/Borisov, arrivata nel Sistema Solare dallo spazio interstellare: catturate dagli astronomi dell’Università americana di Yale, le immagini mostrano questo straordinario oggetto celeste in tutta la sua bellezza.

Scoperta nell’agosto scorso, la cometa 2I/Borisov è il secondo intruso visto nel Sistema Solare, ora è più vicina e raggiungerà il punto di massima vicinanza al Sole, pari a 300 milioni di chilometri, l’8 dicembre 2019. Gli astronomi di Yale hanno catturato immagini straordinarie della cometa grazie all’Osservatorio Keck nelle Hawaii. Si vedono perfettamente la grande chioma che come un velo bianco avvolge la cometa e la gigantesca coda, entrambe formate dal gas che sta evaporando dal nucleo ghiacciato del corpo celeste, via via che si avvicina al Sole. Sono immagini senza precedenti della cometa che ci mostrano “quanto sia piccola la Terra accanto a questo visitatore che da un altro sistema solare”, rileva uno degli astronomi del gruppo, Pieter van Dokkum. Gli esperti si aspettano di catturare altre immagini, ancora più dettagliate, durante il massimo avvicinamento al Sole, quando l’intruso raggiungerà il suo picco di luminosità e sarà osservabile anche con telescopi di dimensioni moderate. Poi la cometa aliena comincerà ad allontanarsi dal Sistema Solare.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alzheimer, scoperta molecola capace di bloccare la malattia. I ricercatori: “Ringiovanisce il cervello”

next
Articolo Successivo

Scoperto il buco nero “impossibile” nella Via Lattea, ha una massa 70 volte quella del Sole

next