Nina Zilli penosa. Prepararsi prima di un omaggio al grande Lucio?“, “Nina Zilli ha ammazzato Attenti al lupo. Nei karaoke la fanno meglio“, “Ma chi ha scelto Nina Zilli per cantare una canzone di dalla? Stonata e scandalosa!“, “Come ammazzare in 2 minuti una canzone. Nina Zilli pessima. E manco si scusa”, “Nina Zilli che assassina Attenti al lupo… imparare il testo no?”. Nina Zilli è stata letteralmente travolta dalle critiche su Twitter per la sua esibizione a “Una storia da cantare“, il nuovo show del sabato sera in onda su Rai 1 dall’intento celebrativo nei confronti di tre grandi cantautori italiani, Fabrizio De André, Lucio Battisti e, appunto, Lucio Dalla.

Proprio a quest’ultimo era dedicata la serata di sabato 23 novembre: Nina Zilli era stata scelta assieme ad altri grandi artisti per cantare una delle canzoni più celebri di Dalla, “Attenti al lupo”. La sua performance però, non è stata delle migliori dal momento che la cantante ha dimenticato in più occasioni il testo, cercando di coinvolgere il pubblico facendogli battere le mani mentre cantava. La cosa non è passata inosservata al pubblico che sui social ha stroncato la sua esibizione. Quanto accaduto ricorda un episodio simile avvenuto sabato scorso con protagonista Ornella Vanoni: anche lei non ricordava più le parole della canzone che stava cantando e, non riuscendo a leggere il gobbo a causa delle luci, si era lasciata andare ad uno sfogo in diretta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marco Van Basten fa un saluto nazista in diretta tv convinto di avere il microfono spento, poi si scusa: “Una battuta infelice”

next
Articolo Successivo

Domenica In, anche Vanessa Incontrada in lacrime. Gigi D’Alessio: “Sembra di essere a ‘C’è posta per te'”

next