C’è chi teme la disfatta, chi si affida alla piazza, e chi è convinto che possa bastare l’ “esperienza di buon governo” portata avanti dal presidente uscente (e ricandidato) dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, per allontanare l’incubo leghista. Nel giorno del lancio della campagna elettorale del governatore dem, dal centro eventi Dumbo a Bologna, il popolo di volontari, iscritti e militanti Pd si ritrova in massa per una cena di autofinanziamento. Circa due mila persone hanno partecipato all’iniziativa, con sentimenti contrastanti. E il dilemma che i dem al governo con M5s, Renzi e LeU, tra frizioni continue, possano alla fine danneggiare la stessa corsa di Bonaccini. “Può essere una spina nel fianco”, c’è chi spiega. Altri sono più ottimisti: “Sono due questioni separate, qui c’è in gioco il futuro della nostra Regione”, recitano altri in coro. Parole rivendicate anche dal presidente dem.

Nessun vuol credere che la paventata vittoria leghista possa avverarsi davvero, alle Regionali del prossimo 26 gennaio 2020. “Se succede? Scappo in Portogallo”, c’è chi azzarda. E non manca chi attacca Matteo Renzi: “Se ci aiuterà? Meglio non parlare di lui…”. L’ultimo appello è per il M5s: “Ci ripensino, sbagliano a rifiutare l’accordo”, c’è chi si espone. Altri, invece, sono convinti che l’abbraccio con i pentastellati non serva: “Meglio andare da soli”. Alla fine, c’è chi è convinto che le forze al governo non si logoreranno nel test elettorale: “Sarà desistenza”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emilia Romagna, Zingaretti lancia la campagna di Bonaccini. Lui: “M5s? Vinciamo anche senza”

next
Articolo Successivo

Arezzo, Pd tentato da Domenico Giani: l’idea dell’ex capo della gendarmeria vaticana per battere il centrodestra

next