Le “sardine” a Bologna hanno fatto il botto. Oltre 12.000 persone (secondo le stime degli organizzatori) hanno affollato piazza Maggiore fino a piazza Nettuno per il flash-mob in contemporanea all’evento di Salvini. I quattro ragazzi, Mattia Santori, Roberto Morotti, Giulia Trappoloni e Andrea Garreffa che, sei giorni fa su facebook, hanno lanciato l’idea della “prima rivoluzione ittica della storia”, del flash mob ‘6.000 sardine contro Salvini’, volevano solo arrivare a radunare 6.000 persone, per dimostrare a Matteo Salvini che “Bologna non si Lega” e che in piazza a protestare contro le sue idee ci sarebbero stati più manifestanti (pacifici) rispetto ai suoi sostenitori accorsi a sentirlo al Paladozza che contiene 5.570 spettatori.

Missione pienamente riuscita e risultato almeno raddoppiato. In piazza persone di tutte le età, molti giovanissimi, coppie con bambini, anziani, disabili, stranieri. La maggior parte con in mano delle sardine fabbricate a casa da sventolare, di tutti i materiali: carta, stoffa, fil di ferro, dipinte su cartelloni e rappresentate in tutti i modi. Sul Crescentone di piazza Maggiore tutti stretti l’uno all’altro, per l’appunto come sardine. Una protesta senza bandiere anche se hanno partecipato esponenti del Pd (come Andrea De Maria, Luca Rizzo Nervo e l’assessore del Comune di Bologna, Matteo Lepore) e di ‘Emilia-Romagna coraggiosa’ (come Elly Schlein), la lista a sinistra del Pd. Ma il miracolo l’hanno fatto loro: i bolognesi e non solo. “Siamo qua per protestare contro le politiche di Salvini – spiega Coline, una ragazza francese che è venuta in piazza con altri stranieri –, lo conosciamo anche nel nostro Paese. Le sue politiche sono razziste, antieuropeiste e populiste”. Fra i manifestanti anche il segretario del Pd di Bologna, Luigi Tosiani: “Bisognava essere qui – dice – a questa manifestazione spontanea, pacifica e gioiosa. La Lega ha detto che, anche a Bologna, l’appoggio a loro è scontato, questa folla dimostra che non è così e che la partita è aperta”. La gente grida: “Bologna non si Lega”; “Siamo tutti antifascisti” e canta ‘Bella Ciao’, anche i giovanissimi. “La resistenza a Bologna è ancora viva” dicono Tiziana, Carla, Oriana e Morena, quattro signore indomite che spiegano: “Bologna è antifascista, noi voteremo Bonaccini. Qui la sinistra ha sempre governato bene. La nostra città ha sempre fatto tesoro dei valori dell’accoglienza e della solidarietà. Noi diciamo ‘no’ al razzismo, alla xenofobia e anche all’incompetenza della Lega e siamo liberi, non abbiamo bisogno che ci liberi Salvini”.

“Non ci arrendiamo – dice Tiziana – mio padre era un partigiano e i bolognesi resistono”. Uno degli organizzatori prende la parola: “Questa è vita reale – dice -. E’ Bologna. La democrazia è sotto attacco ma non illudiamoci che qualcosa cambi se non alziamo neanche un dito”. “I nostri avversari – grida – giocano sporco, hanno fiumi di soldi che nessuno sa da dove arrivino e avvelenano sui social la vita democratica del Paese. L’appello di noi ‘poveri quattro cristi’, però, ha raggiunto risultati che Salvini riteneva impossibili e tutto in sei giorni. Siamo più di loro”. La folla li acclama e intona di nuovo lo slogan ‘Siamo tutti antifascisti’.

“Abbiamo deciso di partecipare – spiegano tre giovani amiche, Dea, Valentina e Simona – quando nessuno manifesta più di questi tempi, in un momento così violento, a un’iniziativa non violenta, per contrastare il modello di comunicazione di Salvini. La piazza c’è ancora, c’è ancora resistenza e protesteremo ancora, anche se come sardine”. Verso le 21 e 30 i manifestanti si disperdono non prima di essersi dati appuntamento alla prossima protesta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governatori, ex ministri e militanti storici: a Bologna Salvini si gioca l’assalto al governo tra “Romagna mia” e cappellini blu alla Trump

prev
Articolo Successivo

Salvini a Bologna: 2mila al corteo dei centri sociali, idranti della polizia sui manifestanti. Gli slogan: “Città non merita chi semina odio”

next