Chissà cosa direbbe Lee Iacocca, ex manager della Ford e papà della Mustang originale, scomparso lo scorso 2 luglio, della nuova Mustang Mach-E: si tratta del primo modello elettrico della marca e si ispira, tanto nel nome quanto nelle forme, all’iconica muscle-car a stelle e strisce. Tuttavia, alle forme da muscoloso coupé la Mach-E contrappone quelle da suv di medie dimensioni, seppur col tetto sfuggente e coperto da un cristallo panoramico che prevede uno speciale rivestimento che protegge dai raggi ultravioletti.

All’interno l’architettura della Mustang è sostituita da un’impostazione molto più simile a quella della Tesla, come testimonia il grande display centrale da 15,5 pollici: pienamente compatibile con smartphone, sfrutta l’intelligenza artificiale per acquisire le abitudini degli utenti e anticiparne desideri e necessità. Mentre la strumentazione tachimetrica adotta un pannello digitale rettangolare. Non si conoscono ancora i prezzi per il marcato italiano ma, a titolo di ririferimento, in Germania la vettura verrà proposta in tre versioni: base, da 46.900 euro, con quattro ruote motrici, da 54.000 euro, e nell’edizione di lancio “First Edition”, da 66.800 euro.

“Al primo Salone di Detroit, Henry Ford affermò che stava lavorando a qualcosa che ci avrebbe folgorati”, spiega in una nota ufficiale Bill Ford, Executive Chairman Ford Motor Company: “Parlava della Model-T. Oggi, Ford Motor Company è orgogliosa di svelare un’auto che colpirà di nuovo come allora. Mustang Mach-E elettrica. Veloce. Divertente. Sinonimo di libertà. Per una nuova generazione di appassionati di Mustang”.

Una nuova generazione di appassionati con famiglia al seguito: ecco perché la Mustang Mach-E ha due bagagliai, uno anteriore da 100 litri di capacità e uno posteriore da 402 litri, ampliabile fino a 1.420 ribaltando lo schienale del divanetto. Bagagli a parte, la celebre esuberanza della Mustang originale sembra conservata: la versione più potente, la “GT” promette un’accelerazione sullo 0-100 km/h in meno di 5 secondi grazie a un sistema propulsivo da 465 Cv di potenza massima e 830 Nm di coppia motrice (la variante base, invece, avrà 337 Cv e 565 Nm).

Quando arriverà su strada, alla fine del 2020, la Mustang Mach-E sarà disponibile sia con trazione posteriore che con quella integrale: “nella versione con trazione posteriore e batteria extended range, l’autonomia arriva fino a 600 km secondo il protocollo di omologazione Wltp”, promette la casa madre. A garantire il piacere di guida, invece, penseranno accorgimenti come le sospensioni adattive, con taratura variabile in tempo reale, e le batterie installate sul fondo del pianale per mantenere il baricentro basso.

A proposito di batterie, quella della Mach-E sono agli ioni di litio, con due livelli di capacità: da 75,7 kWh e 98,8 kW. Sono integrate nel telaio, tra i due assi, posizionate all’interno di un robusto vano impermeabile e prevedono un avanzato sistema di climatizzazione a liquido. Tempi di ricarica: con la presa domestica, ogni ora vengono ripristinati 35 km di autonomia, che diventano 51 km adoperando la Wallbox di Ford. Mentre con le colonnine a 150 kW, bastano 10 minuti per arrivare a 93 km e 38 minuti per portare il livello di carica dal 10 all’80%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrari Roma, debutta il nuovo coupé del Cavallino. E la Dolce Vita diventa Rossa – FOTO e VIDEO

next
Articolo Successivo

Aston Martin DBX, svelato il nuovo sport utility. Lo guiderà James Bond? – FOTO

next