Legittimo e perfettamente comprensibile, nei panni di chi deve tutelare se stesso, la propria immagine. E che immagine.

Ma ciò non toglie che il silenzio di Silvio Berlusconi schiaffeggi tanti, praticamente tutti. Colpisce un Paese che per vent’anni si è specchiato ed è stato identificato nel cavaliere, che ora gli nega il diritto a un pezzetto di verità, o almeno della sua versione. La trattativa Stato-mafia è la pagina più sudicia di sangue e merda, “una montagna di merda”, della storia di tutti noi: ricostruirla pizzino per pizzino, leggerla alle generazioni future già malate d’oblio è un diritto ed è un dovere, che Berlusconi, se non nega, nemmeno agevola.

Il suo garbato mutismo è poi uno schiaffo a chi l’ha sempre votato e magari lo voterebbe ancora: elettori devoti nel segreto dell’urna a cui replica con un altrettanto segreto silenzio. Qualunque cosa avesse pronunciato, i suoi fedelissimi probabilmente non avrebbero cambiato idea, ma i più oggettivi di loro ammetteranno che la loro opinione è oggi più monca, opaca, ombrosa. Ma soprattutto questo silenzio è uno schiaffo a chi di mafia c’è morto ammazzato e alle loro famiglie senza pace. E su questo non vorrei aggiungere altro.

La facoltà di non rispondere di Berlusconi, o meglio le sedici parole con cui se ne avvale, ringrazia e alza i tacchi, sono uno schiaffo che non parte dalla sua mano; eppure la sua mano c’è. Si vede. La scelta di negarsi alle telecamere sfuggendo al macigno mediatico dell’aula bunker di Palermo consegna all’immaginazione una fotografia ancora più dirompente, emblematica: a metà tra uomini di Stato e sbarre sudacchiate da Cosa nostra si sente la voce inconfondibile di un uomo senza volto, si vede la sua mano tesa verso una schiera di microfoni televisivi, qualcuno gli appartiene. È un’immagine legittima e perfettamente comprensibile. E che immagine.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Trattativa, tutto quello che Berlusconi non ha voluto spiegare in aula: dalle leggi anticipate a Mangano alle pressioni di Dell’Utri al governo

next
Articolo Successivo

Camorra, chiedevano il pizzo a imprenditori: 20 arresti. Gli inquirenti: “Il capo degli estorsori era in prova ai servizi sociali”

next