Ho già spiegato su Il Fatto Quotidiano che l’eiaculazione precoce non è una malattia e come prolungare l’erezione senza farmaci. Tutti devono sapere che anche la disfunzione erettile non è una malattia e i sessuologi, andrologi, urologi, medici, psicologi ecc. non devono più usare i termini impotenza e impotente in educazione sessuale, in articoli e interviste nei mass-media, in televisione. Il pene non è il simbolo della potenza maschile: per una vera liberazione sessuale di tutti gli uomini (e donne), quando si fa educazione sessuale si deve spiegare che è la capacità di amare (e la conoscenza del fare l’amore) quello che conta veramente, non il pene e la sua erezione.

La disfunzione erettile può essere un sintomo di alcune malattie neurologiche e cardiovascolari, del diabete, di interventi sulla prostata, oltre che un effetto di alcuni farmaci antidepressivi, antipsicotici, ecc. Dopo i 50-60 anni la disfunzione erettile è frequente, anche se non ci sono malattie e i sessuologi dicono che è per l’età. Invece è causata da una non corretta educazione sessuale, infatti si può prevenire allenando i muscoli ischiocavernosi (i muscoli dell’erezione rigida) con gli esercizi perineali di Kegel. Un’altra frequente conseguenza dell’assenza di una corretta educazione sessuale è quella che i sessuologi chiamano disfunzione erettile psicologica, vedi l’ansia da prestazione, che causa una mancata erezione con una partner, nonostante l’anatomia e la fisiologia dell’erezione sia perfettamente normale.

Tutti, specialmente gli adolescenti, devono sapere che una mancata erezione inspiegabile, soprattutto le prime volte, può accadere per tanti motivi, oltre che per l’ansia e l’ignoranza su come fare l’amore, anche per stanchezza, stress, eccessi alimentari, farmaci, droghe (quindi anche alcol e sigarette), l’abuso/dipendenza di pornografia (che poi inibisce l’eccitazione mentale nella vita reale), pensieri economici o familiari, farlo senza desiderio o “scopare” solo per dimostrare di essere un uomo, mentre il vero uomo è quello che si è liberato dalle ossessioni/schiavitù sessuali e sa anche dire di no a una donna che non conosce o che non ama.

Quando capita una disfunzione occasionale per non farla diventare permanente, non bisogna preoccuparsi e cercare subito di mettersi alla “prova”, cioè riprovare subito ad avere un altro rapporto sessuale, perché è facile entrare in un circolo vizioso: mancata erezione occasionale, ansia, mettersi alla prova, controllo eccessivo delle proprie reazioni o previsione dell’insuccesso, mancata erezione, ansia ecc. Da un episodio occasionale – dopo il quale bastava un periodo di riposo, il non dargli importanza o parlarne con un medico per tranquillizzarsi – si può arrivare davvero a una disfunzione che solo il sessuologo poi potrà risolvere.

Per questo è importante anche non lasciarsi condizionare dalla pubblicità di farmaci che permettono di avere facilmente erezioni con una pillola. Gli uomini, e oggi soprattutto anche gli adolescenti (da alcuni anni mi chiedono una consulenza anche 18-20enni, è assurdo!), devono capire che quando si parla di farmaci significa che certe sostanze possono essere assunte solo dopo gli opportuni accertamenti e non da persone che vogliono prenderli (viagra ecc.) per superare l’ansia, perché credono di avere un’inesistente malattia o soltanto perché pensano di potenziare le proprie prestazioni.

Perciò se capita una disfunzione occasionale, a tutte le età, è molto importante che nei successivi rapporti sessuali l’attenzione non sia rivolta alla propria eccitazione e fare l’amore alcune volte senza pensare alla penetrazione del pene in vagina, limitandosi con la partner a massaggi sensuali, baci e carezze in tutto il corpo. Se compare un’erezione bisogna non avere fretta e imparare ad avere orgasmi reciproci senza penetrazione, altrimenti l’ansia della prestazione potrebbe riprendere il sopravvento.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sesso 2.0, ora si possono dare i voti a escort e gigolò

next
Articolo Successivo

Cunnilingus, qualche suggerimento per avere esperienze strabilianti

next