Momenti di tensione in diretta a Dritto e Rovescio nella puntata di giovedì 7 novembre. Nel talk di Rete 4 condotto da Paolo Del Debbio si discuteva dei cori razzisti negli stadi e dei nuovi fenomeni di discriminazione nelle città e in studio c’erano ospiti la giornalista Francesca Fagnani, il vignettista Vauro Senesi e un uomo di Roma che si fa chiamare Brasile (ma il suo vero nome è Massimiliano Minnocci della borgata di Pietralata) e che sul profilo social della trasmissione viene descritto come un fascista. Il confronto ha assunto in breve toni molto accesi: “Lei ride, c’è poco da ridere. Roma non è fascista, Roma è casa mia. Nella mia borgata vigono ordine e disciplina. Devi fare quello che ti dico io”, dice Brasile in tono duro alla Fagnani che replica chiedendogli quale film abbiano visto, data la costante presenza delle forze dell’ordine in zona. “Nessun film. Glieli faccio vedere io i film”, le dice allora il romano.

Parole che scatenano la reazione di Vauro Senesi, che si alza dalla sedia e si dirige verso Brasile con fare minaccioso, fermandosi a pochi centimetri dal suo viso: “Falli vedere a me i film, fascio di mer**. Queste sono minacce. Vergognati! Minacciare una donna”, gli dice. A indispettire il vignettista non è stato solo il tono di voce usato dall’uomo nei confronti della Fagnani ma anche il modo in cui ha definito come”sua” una borgata di Roma. Tocca al padrone di casa, Del Debbio, intervenire per placare gli animi e riportare l’ordine in studio: il conduttore ha riportato infatti Vauro al suo posto, chiedendogli di lasciare che fosse la Fagnani a proseguire il confronto.

“O vi riprendete o vi butto fuori tutte e due. Non ha minacciato niente. La Fagnani si difende da sola. È abituata a frequentare gli Spada”, gli dice. “Sono abituata ai Casamonica” conferma la conduttrice di Belve, precisando così di non avere avuto difficoltà alcuna nella gestione di Brasile. E così la trasmissione riprende.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Adrian, nuovo flop di ascolti per Celentano. Non sono bastati i big della tv le (poche) canzoni

prev
Articolo Successivo

X Factor 2019, Malika rimprovera Sfera: “Puoi essere più garbato?”. Lui risponde: “Mi fai sempre passare per scemo”

next