Due ex dipendenti di Twitter sono stati formalmente incriminati dal Dipartimento di giustizia americano con l’accusa di essere due spie al servizio dell’Arabia Saudita. Secondo i capi di imputazione i due avevano il compito di raccogliere informazioni sugli account di alcuni dissidenti o critici di Riad. E tra i profili violati ci sarebbe anche quello di Omar Abdulazizi, una delle persone più vicine a Jamal Kashoggi, il giornalista del Washington Post ucciso ad Istanbul lo scorso anno in circostanze mai del tutto chiarite da agenti sauditi legati al principe ereditario Mohammed bin Salman.

“I due ex dipendenti hanno minato i sistemi interni di Twitter violando le informazioni di migliaia di utenti“, spiega il Dipartimento di giustizia americano in una nota, aggiungendo come “non sarà più permesso alle società americane di diventare strumenti in mano a Paesi stranieri che praticano una politica di repressione delle voci critiche in violazione delle leggi federali degli Stati Uniti”. Secondo gli inquirenti, poi, un terzo individuo, Ahmed Almutairi, cittadino saudita, avrebbe agito da intermediario tra i funzionari di Riad e i due ex dipendenti di Twitter. Anche lui è accusato di spionaggio e anche lui sarebbe fuggito in Arabia Saudita.

È la prima volta che le autorità federali americane accusano pubblicamente Riad, uno dei principali alleati nel Medio Oriente e del mondo arabo, di spionaggio, rimettendo al centro del dibattito le ambigue relazioni tra l’amministrazione Trump e il regime guidato da bin Salman. Inoltre il caso inevitabilmente fa riesplodere la polemica sulla privacy e sulla protezione dei dati personali da parte dei social media, da Twitter a Facebook. I numeri forniti dal Dipartimento di giustizia americano indicano come solo nel 2015 i due ex dipendenti di Twitter, agendo su ordine di Riad, avrebbero avuto accesso alle informazioni di oltre 6.000 account. Uno di loro, Ahmad Abouammo, cittadino americano, è stato arrestato, mentre il secondo, ali Alzabarah, cittadino saudita, è sfuggito alla cattura perché probabilmente ha lasciato il Paese.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iraq, “vogliamo indietro il nostro Paese, cacciamo Teheran”: la primavera anti-iraniana ha già fatto oltre 270 vittime in un mese

next
Articolo Successivo

Elezioni Spagna, tutti contro Sanchez nel dibattito tra i 5 principali leader. E per i sondaggi sarà difficile ottenere maggioranza

next