Di Battista sarebbe stato perfetto per il movimento di lotta, che è all’opposizione contro la destra e la sinistra. Dopo che il Movimento Cinque Stelle ha preso il 33% e deve governare è meglio Di Maio“. Così Marco Travaglio, direttore de il Fatto Quotidiano, risponde, nel suo intervento settimanale nel talk politico ‘Accordi & Disaccordi’, in onda sul Nove tutti i venerdì alle 22.45, condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi, alla domanda di una utente sui social: “Per il Movimento Cinque Stelle è meglio Di Battista o Di Maio al comando?”. “Di Battista lo sa benissimo – conclude il direttore – e non ha nessuna aspirazione di sostituire Di Maio e credo che abbia un nuovo progetto che non c’entra nulla con il Movimento Cinque Stelle e che tra qualche giorno comunicherà”.

‘Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9.

Segui @aedtalkshow su Facebook, Twitter e Instagram.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi (Nove), Laura Boldrini ospite di Scanzi, Sommi e Travaglio venerdì 1 novembre alle 22.45

prev
Articolo Successivo

Accordi & Disaccordi (Nove), Boldrini: “La destra contro Segre? Siamo al punto di non ritorno”

next