Torino è la capitale dei festival di musica elettronica in Italia. È un dato di fatto. Se la città ha in parte perso quel ruolo di “laboratorio di avanguardia musicale” che si era guadagnata negli anni ’90 grazie a una miriade di band e club in grado di dare una direzione locale e nazionale a un certo rinnovamento sonoro (tra le primae citiamo ovviamente Subsonica e Africa Unite, tra i club basta dire la parola Murazzi per aprire un universo), oggi in riva al Po la situazione è straordinariamente florida per i festival. In particolare, techno e house vanno fortissimo. Se d’estate il protagonista assoluto è Kappa FuturFestival, un’eccellenza mondiale ma tutta torinese, in grado di portare in una città senza mare e lontana dalle rotte turistiche estive oltre 40mila persone in due giorni, da qualche anno Halloween è ormai sinonimo di Movement, versione autunnale di FuturFestival, visto che ne condivide gli organizzatori, in realtà spin-off europeo di un leggendario festival di Detroit (città dove la techno è proprio nata, a metà anni ’80).

Al Lingotto giovedì 31 ottobre in scena una line up di livello internazionale, con Amelie Lens, Joseph Capriati, Jamie Jones, Brina Knauss tra gli altri. E fino a domenica, diverse serate satellite nei club della città. Sempre al Lingotto, venerdì 1° novembre e sabato 2 ci sono i main event di Club TO Club, l’altro festival che rende Torino famosa nel mondo di chi ama l’elettronica. “Altro” in tutti i sensi, perché da sempre C2C è l’anima alternativa dei festival italiani, una rassegna che si è costruita una fama mondiale puntando su una concezione artistica dei nomi in scaletta. Quest’anno, tra i protagonisti l’australiano Flume, James Blake, The Chromatics, The Come Is Coming. Anche nel caso di Club TO Club, a fianco delle serate principali, diversi eventi a fare da corollario. Cercate sui siti tutti i dettagli, gli orari, i costi e le location di questi due straordinari festival che mettono non solo Torino, ma l’Italia, sulla mappa della grande musica internazionale. Acoronare un weekend ricchissimo di proposte per la città sabauda, c’è Artissima, una fiera di arte “pop”, nel senso che ce n’è davvero per tutti i gusti, dalle mostre alle esposizioni dove si possono acquistare opere.Tutte le indicazioni sul sito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Belen Rodriguez e Andrea Damante hanno avuto un rapporto clandestino”

next
Articolo Successivo

Serena Grandi: “Da piccola un prete costringeva me e una mia amica a baciarci”

next