A motore o pedalata assistita, purché siano due ruote. È il mantra che anche quest’anno animerà la 77esima edizione di Eicma, il Salone di Milano-Rho dedicato a cicli e motocicli. Saranno di nuovo gli spazi della Fiera del capoluogo lombardo ad ospitare la rassegna, dal 5 al 10 novembre prossimi, all’interno di 8 padiglioni – due in più rispetto alle edizioni passate: 1800 i brand attesi, con adesioni che continuano anche crescere a pochi giorni dall’apertura dell’esposizione.

Tra le novità più attese si parla della RS 660 che lo scorso anno Aprilia presentò come concept e che nel 2019 potrebbe tornare in mostra come modello di serie; ci sarà poi Benelli, casa controllata dalla cinese Geely, che presenterà la TNT 600, mentre per Bmw si attende l’arrivo di quattro nuovi modelli tra cui probabilmente una nuova XR, crossover sportiva, e lo scooter elettrico Concept Link, presentato come prototipo nel 2017 al concorso d’eleganza Villa d’Este. E poi ancora Ducati, che farà conoscere al pubblico la nuova Multistrada 1260 S Grand Tour da 158 Cv di potenza e la Streetfighter V4, da 208 Cv.

“Quasi il 60% degli espositori proviene dall’estero, ma il made in Italy gioca ancora un ruolo molto importante: l’intera filiera nazionale legata alla due ruote è protagonista nel mondo per qualità, stile, sostenibilità e innovazione” ha dichiarato Andrea Dell’Orto, presidente del Salone di Milano. “Manifestazioni come Eicma contribuiscono ad aiutare la nostra economia in un momento di difficoltà” – ha osservato invece Attilio Fontana, presidente della Regione Lombardia – “evidenziano la nostra attrattività e come questa Regione stia investendo per sviluppare la ricerca e l’innovazione”.

Eicma 2019 sarà anche un’occasione per assistere a competizioni e spettacoli di intrattenimento vario che saranno allestiti nella MotoLive, l’area esterna al Salone; infine attenzione alle novità sul futuro della mobilità, con un’altra area dedicata a Startup e Innovation.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ferrari 488 Challenge Evo e 488 GT3 Evo, ecco le nuove Rosse da pista – FOTO

prev
Articolo Successivo

Aston Martin AMB 001, la moto di James Bond debutta a Eicma 2019

next