Un gruppo di picchiatori che avevano il compito di punire i pusher che infrangevano le regole del clan, con i boss che minacciavano di “mangiare il cuore”, “tagliare le mani” e “giocare a pallone con la testa” di chi violava i diktat dell’organizzazione. È grazie a intercettazioni come questa, captate dagli inquirenti della Dda di Bari, che si è arrivati all’arresto di quindici persone, dodici in carcere e tre ai domiciliari, ritenute componenti del gruppo criminale Raduano di Vieste, in provincia di Foggia. I reati contestati, descritti in 240 capi d’accusa, sono quelli di associazione per delinquere finalizzata a traffico e spaccio di droga, armi e ricettazione con l’aggravante mafiosa.

“Se questo sta in giro lo uccido col martello in mezzo alla strada che poi mi devo mangiare il cuore – si sente in uno degli audio captati dagli investigatori – Gli devo zappare in testa, gli devo tagliare le mani. Lo uccido, poi dobbiamo giocare a pallone con la testa sua“. Gli arresti fanno parte dell’operazione Neve di marzo, chiamata così perché un grosso sequestro di droga fu possibile grazie alle orme lasciate dai trafficanti sulla neve fresca. Un primo tassello dell’indagine si è chiuso un anno fa, con i fermi dei pregiudicati Marco Raduano e Liberantonio Azzarone, già a processo insieme a Luigi e Gianluigi Troiano, che rischiano condanne tra i 20 e i 4 anni di reclusione.

Le indagini dei Carabinieri sono state coordinate dai pm Ettore Cardinali, Giuseppe Gatti, Simona Filoni e dall’aggiunto Francesco Giannella e da queste emergono la “straordinaria capacità di controllo militare del territorio da parte della mafia garganica”, ha spiegato Gatti, e “la violenza, il clima di terrore che genera una condizione di assoggettamento”. Per lo spaccio il gruppo sceglieva “luoghi simbolici della vita sociale della città, scuole, campi di calcetto, poste di pattinaggio, ristoranti”, ma con questo ennesimo blitz “la stagione di Gomorra in quelle terre si può dire definitivamente conclusa”. “Vieste – ha aggiunto Gatti – ha avuto un risveglio di coscienza civile importante” anche grazie a un “vero e proprio accerchiamento investigativo” che per il procuratore Volpe ha consentito anche di prevenire reati “quasi come nel film Minority Report“.

A rendere Vieste, paese da 13mila abitanti e una tra le più importanti mete turistiche della Puglia, terra di clan, compresi i Raduano, che frequentemente arrivano allo scontro con i rivali degli Iannoli, con uccisioni e scontri armati che hanno mietuto 10 giovani vittime negli 4 anni, è la lotta per il controllo delle estorsioni e del traffico di droga dall’Albania dopo l’uccisione del boss Angelo “Cintaridd” Notarangelo. È qui che il business dei narcos balcanici ha trovato la sua porta verso l’Italia grazie alle coste frastagliate e rocciose, difficili da pattugliare, e quindi approdo perfetto per tonnellate di marijuana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strage di Capaci, il pentito: “Un ex poliziotto ha imbottito l’autostrada di esplosivo”

prev
Articolo Successivo

Ragusa, svelato traffico di rifiuti nocivi: 15 arresti. Indagine partita dal sequestro di scarpe contenenti sostanze “tossiche”

next