“Il fascismo fa schifo, peraltro è anche illegale”. Il governatore della Liguria e leader di Cambiamo! Giovanni Toti, ospite di “Accordi&Disaccordi” il talk show politico condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi in onda su Nove tutti i venerdì alle 22.45, prende posizione contro il fascismo e a proposito della presenza, il 19 ottobre, in piazza San Giovanni a Roma di CasaPound, i cui membri si definiscono ‘fascisti del Terzo Millennio’: “Se qualcuno deve venire in piazza a guastare una bella giornata di popolo alzando il braccio, può starsene a casa, fa un regalo a tutti”.

“Accordi&Disaccordi” è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9. Segui @aedtalkshow su Facebook, Twitter e Instagram.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi (Nove), Scanzi: “Salvini scende in piazza San Giovanni contro se stesso”

next
Articolo Successivo

Eretici, Tomaso Montanari racconta Lorenza Carlassare: “Una studiosa appassionata dello spirito rivoluzionario della Costituzione”

next