Se cercate lavoro, chiedete a Google. Da tempo l’azienda statunitense offre, in Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Francia, Germania e Spagna, un servizio di ricerca per le offerte di lavoro. In Italia è arrivato solo ora, grazie alla collaborazione con il gruppo GEDI.

Per provare la novità basta aprire il motore di ricerca, e inserire chiavi di ricerca inerenti la lavoro. Si possono cercare genericamente le “offerte di lavoro”, oppure usare chiavi più precise, come “commesso a Milano”, “avvocato a Roma”. I risultati visualizzati sono presi da tutte le offerte presenti nei database dei principali siti di ricerca e offerta lavoro, come Monster, Jobonline, Indeed, Neuvoo, Trovit Lavoro, Kijiji, eccetera.

Oltre alle solite pagine con i risultati della ricerca, in alto appare una schermata di sintesi in cui operare una prima scrematura. Basta premere uno dei pulsanti sotto all’intestazione per filtrare i risultati, nell’esempio del commesso, per l’area di competenza (vendita all’ingrosso e al dettaglio, produzione e logistica magazzino, assistenza clienti, eccetera), per vedere solo offerte a tempo pieno, e altro. Selezionando “altri filtri” cambierà la schermata e si vedrà uno spazio diviso in due parti: a sinistra una colonna con le varie offerte, a destra la descrizione dettagliata e i pulsanti per inviare direttamente la propria candidatura.

Da questa schermata si possono anche attivare gli avvisi via mail per le ricerche salvate, in modo da non dimenticarsi di sottoporre la propria candidatura prima che sia troppo tardi. Analogamente a quanto avviene con i motori di ricerca specializzati sulla ricerca di lavoro, si possono salvare gli annunci per ricontrollarli in un secondo momento. Il filtro geografico c’è, ma non serve se è attivata la localizzazione del browser, perché sarà il motore stesso a proporre per prime le offerte più vicine a dove ci si trova. In caso contrario, nella parte alta della schermata basta scegliere la voce “località”.

Si può anche decidere di vedere solo gli annunci pubblicati negli ultimi tre o sette giorni, o filtrare la ricerca per “Datore di lavoro”, prediligendo, ad esempio, gli annunci di Dolce e Gabbana a quelli di altre aziende.

Non manca una parte per le aziende che cercano personale, per le quali Google ha pubblicato le apposite linee guida. C’è una guida passo passo, oltre ai pulsanti per caricare le offerte. È importante seguire le indicazioni per assicurarsi che gli annunci siano visibili, a livello di codice, al motore di ricerca, che così potrà proporli in maniera efficace. In alternativa basta rivolgersi a un portale di ricerca e offerta lavoro fra i numerosi partner di Google.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Instagram dà agli utenti maggiore controllo sui dati condivisi dall’app

prev
Articolo Successivo

L’informatica entra nei test di valutazione internazionale Pisa. Ed è un buon segno

next