Parenti e amici erano tutti riuniti attorno alla tomba aperta con all’interno la sua bara. Avevano appena finito di applaudire dopo un commento in ricordo del defunto quando, dopo le prime note suonate da una cornamusa, proprio mentre la sua bara stava per essere coperta di terra, la musica si è interrotta improvvisamente e si è sentita la voce dell’uomo morto – e al cui funerale stavano partecipando – gridare: “Ciao, fatemi uscire fuori da qui, è tutto buio“. Tra i presenti è calato subito il gelo e tutti hanno iniziato a guardarsi basiti l’un l’altro. “Fatemi uscire. Posso sentirvi! – si è sentito gridare ancora dal defunto -. È il sacerdote quello che sento? Sono nella scatola, riuscite a sentirmi?“.

Proprio quando tutti si stavano agitando e si domandavano cosa stesse accadendo ma soprattutto come fare per intervenire, la figlia dell’uomo morto ha preso parola per calmare gli animi e ha rivelato così che si trattava di uno scherzo organizzato dal padre prima di morire e che la voce che avevano sentito era la sua registrata e messa in un altoparlante. È successo a Kilmangah, in Irlanda, al funerale del veterano Shay Bradley, morto l’8 ottobre dopo una lunga malattia. Una volta saputo dello scherzo, le lacrime dei presenti si sono trasformate in una grande risata collettiva. Tutta la scena è stata immortalata in un video, pubblicato sui social da Andrea Bradley, la figlia dell’uomo, che ha spiegato: “Era il suo desiderio in punto di morte che facessimo questo al suo funerale. Che uomo, farci ridere tutti quando eravamo incredibilmente tristi. Era un uomo straordinario. Ti amo per sempre ‘papà orso'”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Morto in un incidente in moto”. Ma il 40enne torna a casa dopo il funerale

prev
Articolo Successivo

Bambina di 10 anni muore cadendo da una giostra

next