Ieri erano cinque residenti asilo e un rifugiato, oggi sono un tecnico del suono e uno della luce, un attore, un organizzatore, un costumista e un trainer. Sei migranti, arrivati via mare insieme a centinaia di altre persone dall’Africa, sono diventati parte di una compagnia teatrale che lavora in tutta Italia. Un vero e proprio lavoro cominciato con un semplice invito a teatro. Tutto è iniziato infatti con alcuni biglietti per uno spettacolo della stagione del Biondo, stabile di Palermo, donati da alcuni ragazzi a centri accoglienza e a scuole di italiano per stranieri della città.

Pochi, pochissimi hanno scelto di andare: d’altra parte è molto difficile assistere a una messa in scena in una lingua che conoscevano pochissimo. Soprattutto per chi è appena arrivato in Italia senza nulla. Così non è stato per Ibrahima Deme, Mbemba Camara, Moussa Sangaré, Souleymane Bah, Moussa Koulibaly e Bassi Dembele che hanno raccolto l’invito dei ragazzi della compagnia teatrale Blitz, fondata da Margherita Ortolani e Vito Bartucca. E dopo alcuni di spettacoli da spettatori hanno deciso di alzarsi dalla platea e provare a salire sul palco. Da quel momento sono stati avviati dei laboratori di affiancamento per migliorare le capacità di Souleymane, che in Africa faceva il sarto, o di Moussa che faceva invece l’idraulico: oggi uno è costumista e l’altro è tecnico del suono e fanno parte della compagnia Blitz, fondata da quei ragazzi che due anni fa lasciavano, con poche speranze, i biglietti nelle portinerie degli sprar e delle scuole di italiano.

“Non abbiamo lavorato con questi ragazzi perché sono migranti ma perché sono portatori sani di potenzialità e di valori unici e imprescindibili. È questo il primo muro culturale da abbattere. È anche vero che il lavoro è stato durissimo e i ragazzi hanno lavorato nonostante le difficoltà che la condizione di migrante implica: il non vedersi riconosciuti, il non avere un’autentica possibilità di riposo, una casa nella quale tornare. La loro identità è continuamente messa in discussione da uno status che si ostina a mantenerli invisibili”, racconta Margherita Ortolani. Il risultato finale è uno spettacolo che debutterà a Palermo alla fine di ottobre e che già è stato acquistato da un teatro del nord Italia: “Chiamatemi Mohamed Alì” del drammaturgo congolese Dieudonné Niangoun. La leggenda di Cassius Clay (interpretato da Ibrahima Deme) è stata anche denuncia alla discriminazione e impone una riflessione sul senso della memoria e sull’identità culturale di un intero Paese che grazie al teatro si riconcilia con il presente.

di Eugenia Nicolosi

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sindacati militari, un anno fa il via libera. Da allora solo una proposta a rischio incostituzionalità

next
Articolo Successivo

“Lupo racconta la Sma”, 12 favole illustrate per spiegare questa malattia rara: “Parlano di paura ma anche coraggio e speranza”

next