Atterraggio d’emergenza a Basilea per un aereo della British Airways decollato da Bari e diretto a Londra. Il comandante ha deciso di atterrare all’aeroporto di Basilea-Mulhouse, al confine tra Francia, Svizzera e Germania, dopo la comparsa di fumo in cabina. Tanta paura, ma nessuna conseguenza per i 165 passeggeri che attendono ora di essere imbarcati su un volo per Heathrow. Sono, invece, stati trasportati in ospedale a causa dell’inalazione di fumo quattro membri dell’equipaggio. Restano ancora da capire le cause che hanno generato il fumo.

È il secondo caso in due mesi per la British Airways. Ad agosto un altro aereo, partito da Londra, era stato costretto a fare un atterraggio d’emergenza a Valencia. E anche in questo caso la causa era un guasto che aveva provocato un’enorme nuvola di fumo in cabina. Una volta arrivati all’aeroporto spagnolo, i viaggiatori erano stati fatti scendere con lo scivolo d’emergenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Agenti uccisi a Trieste, come è potuto accadere? Ci sono due domande a cui rispondere

next
Articolo Successivo

Padova, esponente FdI esclusa da squadra di calcio a 5: “Commenti contro i migranti”. Malagò: “Esclusione va contro valori sport”

next