Atterraggio d’emergenza a Basilea per un aereo della British Airways decollato da Bari e diretto a Londra. Il comandante ha deciso di atterrare all’aeroporto di Basilea-Mulhouse, al confine tra Francia, Svizzera e Germania, dopo la comparsa di fumo in cabina. Tanta paura, ma nessuna conseguenza per i 165 passeggeri che attendono ora di essere imbarcati su un volo per Heathrow. Sono, invece, stati trasportati in ospedale a causa dell’inalazione di fumo quattro membri dell’equipaggio. Restano ancora da capire le cause che hanno generato il fumo.

È il secondo caso in due mesi per la British Airways. Ad agosto un altro aereo, partito da Londra, era stato costretto a fare un atterraggio d’emergenza a Valencia. E anche in questo caso la causa era un guasto che aveva provocato un’enorme nuvola di fumo in cabina. Una volta arrivati all’aeroporto spagnolo, i viaggiatori erano stati fatti scendere con lo scivolo d’emergenza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Agenti uccisi a Trieste, come è potuto accadere? Ci sono due domande a cui rispondere

next
Articolo Successivo

Padova, esponente FdI esclusa da squadra di calcio a 5: “Commenti contro i migranti”. Malagò: “Esclusione va contro valori sport”

next