Due piante di cannabis alte 2 metri e mezzo, mezzo chilo di infiorescenze di canapa indiana. E poi ancora olive, tonno e caffè alla marijuana. È quanto trovato nella cucina dell’abitazione dello chef siciliano Carmelo Chiaramonte, detto il “cuciniere errante”, a Trecastagni, alle pendici dell’Etna. Il cuoco 50enne, spesso in tv in trasmissioni come Geo&Geo o nel canale Gambero Rosso, è stato arrestato dai carabinieri, e poi subito rimesso in libertà in attesa di processo, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Chiaramonte, che in un suo spettacolo del 2015 Ricette immorali e cibi afrodisiaci, esordiva con la frase “un cuoco è un drogato d’aromi e un alchimista”, si è difeso dichiarandosi un “consulente agroalimentare della cucina mediterranea del terzo millennio” alla ricerca di nuovi gusti e aromi. Ad attrarre i militari le etichette “Santa Caterina SballOlives” poste un un contenitore contenente, appunto, olive trattate alla marijuana, e una bottiglia di vino “Kannamang”.

Sul suo sito web Carmelo Chiaramonte, di origini modicane, racconta anche di curare da 30 anni “una lunga ricerca della biodiversità marina e terrestre”. Ha scritto libri su usi e costumi legati alla cucina siciliana. Numerose le sue apparizioni in tv, in famosi programmi di cucina della tv italiana e anche in network stranieri, e le sue interviste, oltre ai suoi cooking show. Lo chef inizialmente posto ai domiciliari, dopo la convalida dell’arresto è stato liberato in attesa di essere processato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fabio Fazio attaccato sui social: “Spero che ti ammazzino”. E lui risponde: “Sai dirmi anche perché?”. Ma i fan segnalano: “È un troll”

next
Articolo Successivo

Vieni da me, Giovanni Conversano chiede alla fidanzata di sposarlo. E lei risponde: “Vedremo”. Caterina Balivo rimane senza parole

next