Switch Lite, la versione only portable della console di Nintendo esordisce sul mercato in tre colori, rinuncia a docking station e pad separabili e si prepara a diventare il perfetto compagno da viaggio dei pendolari, vediamo ora nel dettaglio quali differenze si presentano rispetto alla console standard.

Le caratteristiche che saltano subito all’occhio sono un monitor più piccolo ma migliorato, un peso minore e una batteria più performante, che sicuramente fa comodo a un modello prettamente votato alla portabilità ed al gioco in solitaria, perché se da una parte lite è davvero studiata per essere la miglior console portatile sul mercato attuale dall’altra paga lo scotto della multimedialità che la sua sorella maggiore possiede.

Il confronto tra la Switch Lite (sopra) e la Switch standard (sotto)

Tutti i giochi che non hanno una modalità portatile non sono compatibili con la Lite, e tutte le feature esclusive date da titoli come Nintendo Labo spariscono, assieme ad altri piccoli particolari come il rumble pack e lo stand che permette alla switch “normale” di essere appoggiata al tavolo: potreste si utilizzare dei joycon aggiuntivi per giocare con gli amici, ma la cosa non sarà più cosi comoda come in precedenza.

In definitiva Nintendo Switch Lite è la console portatile più potente sul mercato attuale, nonché l’unica e farà la felicità di chi cerca una fedele compagna di viaggio, tra una giornata di lavoro e una gita fuori porta, soprattutto con l’uscita del nuovo pokemon alle porte.

Scheda Tecnica
Dimensioni: 91.1mm x 208mm x 13.9mm
Peso: 270g circa
Schermo: Touch screen capacitivo / 5,5 pollici LCD / risoluzione 1280 x 720
CPU/GPU: NVIDIA Tegra X1
Memoria di sistema: 32 GB (6,2 GB riservati ai dati del sistema operativo).
Connettività: Wireless LAN (compatibile IEEE 802.11 a/b/g/n/ac) / Bluetooth 4.1 / NFC (near-field communication) – Uscita audio
Batteria: 3570 mAh
Porte: USB Type-C
Memoria Espandibile: si ( microSD, microSDHC e microSDXC)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google investe miliardi di dollari in energie rinnovabili

prev
Articolo Successivo

L’obsolescenza programmata ha enormi costi ambientali. E per me è un vero e proprio crimine

next