Un’esplosione avvenuta in una fabbrica chimica all’estrema periferia asiatica di Istanbul, nel distretto di Tuzla, ha provocato il ferimento di due vigili del fuoco, che si erano recati sul posto per intervenire nello spegnimento di un precedente incendio. I pompieri sono stati colpiti da un serbatoio di metallo schizzato in aria a seguito dello scoppio. Le drammatiche e spettacolari immagini sono state diffuse nelle scorse ore dalle tv locali. Le fiamme hanno provocato anche una grossa nube di fumo nero nella zona circostante. Non risulta alcuna vittima.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brasile e il movimento ‘Occupare la politica’: quando le domestiche entrano in Parlamento

next
Articolo Successivo

Giappone, gaffe della premier neozelandese: “Sono incredibilmente felice per questa mia visita in Cina”. Poi dà la colpa al jet lag

next