Una società dell’hinterland milanese sfida il più grande dei social network, e vince. Facebook è stata condannata a risarcire con 350mila euro l’azienda Business Competence, con sede operativa a Casssina de Pecchi, dalla quale il colosso statunitense ha copiato, secondo i giudici, un’applicazione che propone agli utenti i bar e i ristoranti di loro interesse nelle vicinanze. A deciderlo è stata la sezione specializzata in imprese del Tribunale di Milamo. La società, che si occupa di sviluppare software, è assistita dall’avvocato e professore Marco Spolidori e ha già vinto in primo grado e in appello.

“Pur rispettando la decisione, siamo in disaccordo e stiamo valutando le nostre opzioni legali”. Fa sapere il social network, attraverso un portavoce.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Logitech MX Master 3, il mouse per la produttività di chi soffre di tunnel carpale

prev
Articolo Successivo

Sicurezza informatica, che succede se gli hacker prendono di mira il contatore di casa?

next