Un Mickey Rourke completamente trasfigurato dalla chirurgia plastica è stato ospite della prima puntata di “Live – Non è la D’Urso” e si è reso protagonista di un momento che ha fatto calare il gelo in studio, imbarazzando non poco la padrona di casa, Barbara D’Urso. L’attore stava salutando il pubblico alla fine della sua intervista quando ha chiesto di poter dire una cosa a favore di telecamera. “Certo”, gli ha detto l’ignara conduttrice. Al che Rourke si è lasciato andare un: “Fuck Donald Trump” con tanto di dito medio in bella vista, lasciando atterriti tutti i presenti in studio. “Domani ne parleranno sicuramente i giornali di tutto il mondo“, ha commentato Barbara D’Urso visibilmente imbarazzata. Evidentemente non si aspettava certo un’uscita del genere anche perché fino a quel momento tutto era andato come da copione.

Il divo di “Nove settimane e mezzo”, ora 67enne, aveva raccontato infatti la sua carriera d’attore, rivelando poi un aneddoto su Robert De Niro: “Quando ero a scuola a studiare per diventare un attore lo ammiravo, pensavo che se avessi lavorato sodo, sarei riuscito a diventare come lui – ha raccontato Mickey -. Quando feci il film con lui, andai dal produttore per dirgli che ero onorato di questa cosa. Lui cinque minuti dopo mi disse: ‘Penso che sia meglio se non parliamo. Siamo solo personaggi in un film’. Io non sapevo cosa stesso accadendo. Ha ferito i miei sentimenti, io lo ammiravo. Ora non più”.

Poi l’attore ha ricordato i momenti difficili vissuti recentemente: “Sei mesi fa sono finito al verde. Gli unici soldi che avevo erano quelli dei combattimenti di pugilato”. Infine, a sorpresa, ha improvvisato il famoso balletto dello spogliarello di “Nove settimane e mezzo con Aida Yespica nei panni di Kim Basinger.

Visualizza questo post su Instagram

MA COSA SUCCEDE ✈️ #noneladurso

Un post condiviso da Trash Italiano (@trash_italiano) in data:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Domenica In, Romina Power ricorda l’ostetrica che crede morta. E Mara Venier, ridendo fino alle lacrime, la annuncia: “Facciamo entrare l’ostetrica”

prev
Articolo Successivo

Live-Non è la D’Urso, solo un milione e mezzo di spettatori per la prima puntata. Riuscirà la D’Urso ad “aggiustare il tiro”?

next