Ci ha lasciato Piero Scaramucci, fondatore di Radio Popolare e del Gruppo di Fiesole, dirigente della Federazione Nazionale della Stampa Italia e dell’Usigrai, autore di straordinarie inchieste sulla “Strage di Stato”, inviato della Rai, sempre dalla parte degli ultimi, degli oscurati, degli invisibili.

Antifascista da sempre, nemico di ogni prepotenza, aveva nel cuore la Costituzione e il suo articolo 21, anche a lui si deve la nascita della nostra associazione. Sino alla fine ha portato il suo contributo alle istituzioni dei giornalisti, partecipando come delegato eletto a Milano nelle liste di Nuova Informazione e, anche in quella occasione, ci ha invitato a procedere sulla strada della tutela della Costituzione antifascista e antirazzista, senza nulla concedere al pessimo “spirito dei tempi” e al silenzio complice degli opportunisti di ogni natura e colore.

Sarà nostro dovere, insieme al sindacato lombardo dei giornalisti, alla sua comunità, ad Articolo 21, trovare il modo migliore per ricordarlo, legando la sua memoria ad una iniziativa che duri nel tempo e che sappia “onorare” chi ha davvero dedicato una vita alla libertà e alla tutela della dignità, “senza distinzione di fede, etnia, condizione sociale, colore della pelle”.

Un abbraccio alla sua compagna Mimosa Burzio e sua figlia Marianna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Il peggio di me”, Ismaele La Vardera racconta il retroscena della “politica del cambiamento”

prev
Articolo Successivo

La Corte Ue boccia la legge tedesca anti Google-news. E la notizia riguarda tutti i giornali online

next