Le maratone no-stop di Enrico Mentana su La 7 hanno un unico, grande, “nemico”: la pubblicità. I neri pubblicitari arrivano sempre nei momenti meno opportuni, soprattutto quando il racconto dell’attualità richiede le immagini in diretta. Così, durante l’ultima maratona, succede che il direttore del TgLa7 abbia dovuto “bucare” i primi istanti in cui la presidente del Senato Elisabetta Casellati rendeva pubblico l’esito della votazione della fiducia del governo Conte-bis, ovvero il momento clou di tutta la giornata politica di ieri.

Oltre al danno, la beffa. Proprio pochi minuti prima il “mitraglietta” Mentana, come riportato da Tvblog, aveva avvertito la regia: “Andiamo in pubblicità adesso e la interrompiamo se vediamo che si approssima la proclamazione. Però attenzione eh…”. Ma l’attenzione richiesta non c’è stata e l’ammonimento non è servito a granché, dato che negli stessi istanti in cui l’esecutivo Conte-bis otteneva la fiducia nell’Aula del Senato con 169 sì, su La 7 andava in onda lo spot di una nota casa automobilistica. Inevitabile la rabbia di Mentana, una volta tornato in onda: “Ci colleghiamo con il Senato perché in realtà la fiducia è già stata data e i senatori si congratulano con il presidente Conte: quella di non interrompere la pubblicità è stata una scelta che mi ha fatto arrabbiare non poco e che ha fatto arrabbiare anche voi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Wu-Tang: An American Saga, una ‘serie di formazione’ sulla musica e sulla vita di strada

prev
Articolo Successivo

Vieni da Me, la figlia di Pupo si lascia scappare una frase imbarazzante: “Ma lei per caso ha il pisello rosa?”. Caterina Balivo la gela

next