Antonio Banderas ha deciso di lasciare Hollywood e il mondo del cinema. L’annuncio è arrivato a sorpresa durante il Toronto Film Festival, dove l’attore è andato per presentare il suo ultimo film, “The Laundromat“, dedicato allo scandalo dei Panama Papers. Intervistato da Leggo, l’attore spagnolo ha rivelato di aver maturato questa decisione dopo l’infarto che l’ha colpito qualche tempo fa, costringendolo a sottoporsi ad un delicato intervento al cuore per l’inserimento di tre stent. “L’infarto mi ha cambiato la vita – ha spiegato l’attore -. Ho capito che Hollywood non fa per me e ho trovato il modo più romantico e incosciente di usare i risparmi”.

“In ospedale, dopo l’inserimento di tre stent, un’anziana infermiera mi ha detto: ‘A breve ti sentirai triste e diventerai più emotivo’ e io ho pensato: ‘Figurati se cado in depressione proprio ora che mi sono salvato’. Invece aveva ragione. Pedro Almodovar si è accorto subito della mia fragilità sul set di “Dolor y gloria” e mi disse di usare quel dolore, di non nasconderlo”. Nonostante questo, Banderas ha detto di aver sentito che qualcosa nella sua vita era cambiato definitivamente, motivo per cui ha deciso di tornare in Spagna e utilizzare i suoi risparmi per compare il Teatro del Soho Caixabank a Malaga, sua città natale e ricominciare una seconda vita nel mondo del teatro, in una dimensione più piccola e intima.

“Il teatro è l’amore della mia vita per me è come una donna che ho trascurato troppo a lungo e ora mi reclama. Il momento più felice della carriera è stato infatti sul palco di Broadway per il musical Nine”, ha concluso l’attore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kim Kardashian disperata: “Positiva al test del lupus e dell’artrite reumatoide”

next
Articolo Successivo

Anna Safroncik, la domanda imbarazzante a Vieni da Me: “Dopo Centovetrine non ti hanno diseredato?”. Lei replica furiosa: “Questa è cattiveria pura”

next