Durante l’Apple Special Event tenutosi allo Steve Jobs Theatre, Apple ha annunciato la settima generazione dell’iPad.

Il nuovo modello vede lo storico schermo da 9,7″ sostituito da un più ampio display Retina da 10,2″, integra lo Smart Connector che permette di utilizzare a scelta l’apposita SmartKeyboard (tastiera che si integra nella cover) ed offre il supporto all’Apple Pencil, la penna touch del produttore americano.

Cuore pulsante dell’iPad di settima generazione è l’A10 Fusion di Apple, che a detta di Apple offre -a detta del produttore- prestazioni fino a 2 volte superiori dei PC più venduti negli Stati Uniti, mentre sul versante connettività saranno disponibili due versioni, una solo wifi ed una con il supporto per la Gigabit LTE. Il funzionamento del tutto è affidato al nuovo iPadOS, il sistema operativo sviluppato da Apple a partire da iOS appositamente per sfruttare al meglio i tablet, a partire da una migliore gestione del maggiore spazio disponibile a schermo.

Il nuovo iPad è già disponibile al preordine con prezzi a partire da 389€, con consegne previste a partire da fine settembre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Samsung sfida Dyson con l’aspirapolvere senza filo PowerStick Jet, che ha due batterie in dotazione

prev
Articolo Successivo

iPhone 11, iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max sono i tre nuovi smartphone annunciati da Apple. In arrivo il 20 settembre

next