Arriva gli Stati Uniti l’ipotesi che in futuro un organo delicatissimo come il fegato potrà essere conservato molto più a lungo di quanto avviene oggi. Si parla di oltre 24 ore: tempo preziosissimo per la ricerca di un paziente ricevente adatto. Nello studio, pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology, si sostiene che gli scienziati sono riusciti a conservare per praticamente il triplo del tempo (27 ore) fegati da donatori, portandoli a una temperatura sotto gli zero gradi, ma senza congelarli e quindi senza danneggiarli. La ricerca è stata condotta da Reiner de Vries e colleghi del Massachusetts General Hospital Harvard Medical School di Boston.

Attualmente il fegato si può conservare per meno di 12 ore, tenendolo a una temperatura intorno ai 4 gradi centigradi. Lo si fa attraverso una tecnica detta ‘conservazione statica ipotermica’, una sorta di lavaggio e immersione dell’organo in una soluzione di preservazione a 4 gradi, in modo da ridurre il metabolismo e la necessità di ossigeno dell’organo. Gli esperti Usa (che in precedenti lavori su topi avevano dimostrato la fattibilità della loro idea) hanno utilizzato un metodo di super-raffreddamento che però previene il congelamento dell’organo (che porterebbe a danni irreparabili rendendolo di fatto non più idoneo ad essere usato in un trapianto).

Gli esperti hanno conservato fegati umani a -4 gradi con questo metodo, estendendo la vita degli organi fino a 27 ore dall’espianto. Si sono serviti di una tecnica chiamata “perfusione subnormotermica”, in cui vengono pompati in continuo nell’organo ossigeno e nutrienti a una temperatura di circa 20 gradi (cioè più bassa di quella corporea, quindi subnormotermica), sia prima del raffreddamento, sia dopo per ”rianimare” l’organo dal super-raffreddamento, senza che questo riporti danni. La vitalità dei fegati prima e dopo il super-raffreddamento è risultata invariata e gli organi sono risultati in linea di principio idonei al trapianto. Il prossimo passo sarà testare il metodo, con trapianti veri e propri, su grossi modelli animali, per sondarne la fattibilità reale sui pazienti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tumore al polmone, “diagnosi precoce grazie a doppio test. Rischio non è uguale per tutti i fumatori”

next
Articolo Successivo

Asteroidi, appuntamento il 27 settembre con 2006QV89. Ma sarà a 6,9 milioni di chilometri dalla Terra

next