Il Fondo monetario internazionale “considererà la nomina di Kristalina Georgieva per la posizione di direttore generale”. Venerdì è scaduto il termine per la presentazione delle candidature a succedere al posto di Christine Lagarde (che da novembre sarà presidente della Bce) e la candidata bulgara, ora ceo ad interim della Banca Mondiale. Georgieva, ex vicepresidente della Commissione europea, compirà 65 anni quest’anno.

I ministri dell’economia della Ue l’avevano scelta come loro candidata preferendola all’olandese Jeroen Dijsselbloem, ma dopo una votazione tesa e contestata fino alla fine.

Dijsselbloem aveva avuto l’appoggio della Germania e degli altri Paesi che promuovono una ferrea disciplina di bilancio. Dall’altra parte Spagna. Francia, Italia, i Paesi dell’Est e tutti quelli che non hanno perdonato all’ex capo dell’Eurogruppo di aver applicato alla lettera l’austerità prevista dalle regole e di aver assecondato anche la stretta chiesta dal Fmi sulla Grecia hanno invece sostenuto l’avversaria, che non si è ‘compromessa’ con le politiche varate dalla Troika.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo Conte 2, con il calo dei tassi sui Btp possibili risparmi fino a 11 miliardi in tre anni. I benefici si vedranno dal 2020

prev
Articolo Successivo

Made in Italy, Di Maio vuol portarsi alla Farnesina le competenze sul commercio estero. Protestano i sindacati

next