Il Fondo monetario internazionale “considererà la nomina di Kristalina Georgieva per la posizione di direttore generale”. Venerdì è scaduto il termine per la presentazione delle candidature a succedere al posto di Christine Lagarde (che da novembre sarà presidente della Bce) e la candidata bulgara, ora ceo ad interim della Banca Mondiale. Georgieva, ex vicepresidente della Commissione europea, compirà 65 anni quest’anno.

I ministri dell’economia della Ue l’avevano scelta come loro candidata preferendola all’olandese Jeroen Dijsselbloem, ma dopo una votazione tesa e contestata fino alla fine.

Dijsselbloem aveva avuto l’appoggio della Germania e degli altri Paesi che promuovono una ferrea disciplina di bilancio. Dall’altra parte Spagna. Francia, Italia, i Paesi dell’Est e tutti quelli che non hanno perdonato all’ex capo dell’Eurogruppo di aver applicato alla lettera l’austerità prevista dalle regole e di aver assecondato anche la stretta chiesta dal Fmi sulla Grecia hanno invece sostenuto l’avversaria, che non si è ‘compromessa’ con le politiche varate dalla Troika.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo Conte 2, con il calo dei tassi sui Btp possibili risparmi fino a 11 miliardi in tre anni. I benefici si vedranno dal 2020

next
Articolo Successivo

Made in Italy, Di Maio vuol portarsi alla Farnesina le competenze sul commercio estero. Protestano i sindacati

next