In gran segreto con una cerimonia blindata in un resort in provincia di Grosseto. Così si sono sposati sabato 7 settembre l’attrice 39enne Carolina Crescentini e il cantante Francesco Motta, 32 anni, che hanno una relazione dal 2017. Entrambi elegantissimi in abito bianco firmato Gucci, come specifica LivornoToday che ha dato la notizia. Hanno scelto la cerimonia civile e hanno invitato solo pochi intimi: parenti, colleghi e amici del mondo dello spettacolo.

Visualizza questo post su Instagram

Tic tac. #shh #us

Un post condiviso da Carolina Crescentini (@carolcrasher) in data:

“Tic tac #shh #us”. È la didascalia di un selfie della coppia pubblicato dall’attrice romana su Instagram il 5 settembre. Le lancette dell’orologio che richiamano al coutdown per un evento, che nessuno aveva però sospettato essere il matrimonio.

La coppia si è conosciuta due anni fa ad una cena con amici comuni. Lì è scoccata la scintilla e da allora non si sono più lasciati. Un sostegno anche professionale quello tra la Crescentini e il cantautore livornese (a Sanremo 2019 lei era il platea a fare il tifo per lui). Tra gli scatti di loro insieme sui social e quelli pubblicati dai media sono tantissime le immagini del loro amore, che però nel grande giorno hanno scelto di tenere privato, lontano dai gossip. La notizia però si è comunque diffusa. A confermarla, come riporta sempre LivornoToday, Andrea Appino, leader degli Zen Circus e testimone dello sposo, o anche le numerose stories postate quasi in tempo reale da qualcuno degli invitati, tra cui le damigelle di lei.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mostra del Cinema di Venezia, la dedica di Marinelli con la Coppa Volpi in mano: “A chi salva vite in mare”

prev
Articolo Successivo

Sabrina Paravicini operata per il cancro: “Mio figlio prima di entrare mi ha detto ‘spero che resterai viva’. E io sono ancora in piedi”

next